Tumore testa-collo: nivolumab è meno efficace dopo l’esposizione a cetuximab

  • Ferris RL & al.
  • Clin Cancer Res
  • 25/06/2019

  • Brian Richardson, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nivolumab prolunga la sopravvivenza dei pazienti con carcinoma a cellule squamose della testa e del collo (head and neck squamous cell carcinoma, HNSCC) recidivante/metastatico non esposti a cetuximab rispetto alla chemioterapia con agente singolo scelta dallo sperimentatore (investigator's chemotherapy, IC).
  • Il beneficio non ha raggiunto la significatività statistica nei pazienti con esposizione a cetuximab.

Perché è importante

  • Cetuximab modula la risposta immunitaria e potrebbe presumibilmente influire sull’efficacia dell’immunoterapia.

Risultati principali

  • Nivolumab era associato in modo significativo a una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana migliore rispetto alla IC nei pazienti senza precedente esposizione a cetuximab (8,2 vs. 4,9 mesi; HR: 0,52; IC 95%: 0,35–0,77).
    • L’effetto non era significativo nei pazienti con precedente esposizione a cetuximab (7,1 vs. 5,1 mesi; HR: 0,84; IC 95%: 0,62–1,15).
  • Nessun beneficio in termini di sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) per nivolumab rispetto alla IC:
    • nei pazienti senza precedente esposizione a cetuximab (2,2 vs. 2,6 mesi; HR: 0,89; IC 95%: 0,60–1,31);
    • nei pazienti con esposizione a cetuximab (2,0 vs. 2,1 mesi; HR: 0,86; IC 95%: 0,63–1,18).
  • Nivolumab era associato a meno eventi avversi correlati al trattamento di qualsiasi grado e di grado 3–4 (rispettivamente 57,9% e 13,1%) rispetto alla scelta dello sperimentatore (rispettivamente 80,3% e 42,4%).

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 3 CheckMate 141: 361 pazienti con HNSCC recidivante/metastatico sono stati assegnati casualmente in rapporto 2:1 a nivolumab 3 mg/kg ogni 2 settimane o a chemioterapia con agente singolo scelta dello sperimentatore e ne è stata analizzata la sopravvivenza.
  • Finanziamento: Bristol-Myers Squibb.

Limiti

  • Analisi post hoc.
  • Disegno in aperto.