Tumore rettale basso: quali fattori compromettono la DFS?

  • Souadka A & al.
  • BMC Cancer
  • 28/10/2019

  • Craig Hicks
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I pazienti con tumore rettale basso sono a maggior rischio di una peggiore sopravvivenza libera da malattia (disease-free survival, DFS), anche dopo una risposta patologica completa (complete pathological response, CPR) alla chemioradioterapia neoadiuvante (neoadjuvant chemoradiotherapy, nCRT), se presentano tumori scarsamente differenziati o sepsi perineale.

Perché è importante

  • Medici e pazienti dovrebbero valutare opzioni terapeutiche aggressive aggiuntive per mitigare questi fattori di rischio.

Disegno dello studio

  • I ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche di pazienti affetti da adenocarcinoma rettale basso che hanno ottenuto CPR (ypT0N0) dopo nCRT ed escissione mesorettale totale (N=84; età media di 54,5 ± 12 anni; donne, 54,8%), esplorando i fattori collegati alla DFS.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Il tasso complessivo di recidiva nei pazienti con CPR era del 12,6%.
  • L’analisi multivariata ha indicato che 2 fattori erano associati in modo indipendente a una compromissione della DFS:
    • tumori scarsamente differenziati (OR=9,23, P=0,023);
    • sepsi perineale (OR=13,51, P=0,008).
  • Il tasso di mortalità a 30 giorni era del 3,6% e il tasso globale di complicanze (punteggio di Clavien-Dindo ≥IIIa) era del 14,3%.

Limiti

  • Studio retrospettivo con campione di piccole dimensioni.
  • I protocolli radioterapici differivano tra i centri.