Tumore renale metastatico: i benefici della nefrectomia citoriduttiva

  • Urol Oncol
  • 28/03/2019

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I trombi neoplastici sono comuni nei pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico (metastatic renal cell carcinoma, mRCC).
  • La nefrectomia citoriduttiva (cytoreductive nephrectomy, CN) è associata a una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) migliore nei pazienti privi di trombi e in quelli con trombi neoplastici limitati alle vene renali e alla vena cava inferiore (VCI) infradiaframmatica.
  • Il ricevimento di CN è influenzato dalle caratteristiche del paziente e del tumore.

Perché è importante

  • I risultati suggeriscono che la CN ha un ruolo importante nella gestione multidisciplinare dei pazienti complessi nell’era dell’immunoterapia.

Disegno dello studio

  • Studio di 8.134 pazienti con mRCC del National Cancer Database.
  • Finanziamento: NIHHYB.

Risultati principali

  • Nel 28,7% dei pazienti che presentavano trombi neoplastici, rispettivamente il 78,2%, il 16,5% e il 5,4% dei trombi era situato nella vena renale, nella VCI infradiaframmatica e nella VCI sopradiaframmatica.
  • Razza di colore, assicurazione Medicaid o nessuna assicurazione sanitaria, dimensioni del tumore sconosciute e trombo che coinvolgeva la VCI sopradiaframmatica erano associati a una probabilità significativamente inferiore di ricevere CN (tutti P
  • I pazienti con trombi neoplastici possedevano una maggiore probabilità di essere sottoposti a CN (P
  • La CN era associata a una OS migliore nei pazienti privi di trombi (HR: 0,52; P

Limiti

  • Disegno retrospettivo.