Tumore renale metastatico: atezolizumab-bevacizumab sono migliori rispetto a sunitinib come terapia di prima linea nella fase 3 di sperimentazione

  • Rini BI & al.
  • Lancet
  • 09/05/2019

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La terapia di prima linea con atezolizumab più bevacizumab è sicura e prolunga la sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) rispetto a sunitinib nei pazienti affetti da carcinoma a cellule renali (renal cell carcinoma, RCC) metastatico positivi per il ligando della proteina di morte cellulare programmata 1 (programmed death-ligand 1, PD-L1).

Perché è importante

  • I risultati confermano il beneficio clinico della doppia inibizione delle vie di PD-L1 e VEGF; è necessario tuttavia un follow-up di durata maggiore per stabilire il beneficio in termini di sopravvivenza complessiva (overall survival, OS).

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 3 IMmotion151.
  • Novecentoquindici pazienti affetti da RCC con una componente a cellule chiare o sarcomatoide non trattati precedentemente, assegnati casualmente ad atezolizumab più bevacizumab o sunitinib.
  • Endpoint coprimari: PFS nei pazienti PD-L1-positivi e OS nella popolazione intention-to-treat (ITT).
  • Finanziamento: F. Hoffmann-La Roche Ltd; Genentech, Inc.

Risultati principali

  • Follow-up mediano di 15 mesi.
  • Nei pazienti PD-L1-positivi la combinazione atezolizumab più bevacizumab ha prolungato significativamente la PFS mediana rispetto a sunitinib (11,2 vs. 7,7 mesi; HR: 0,74; P=0,0217).
  • Nella popolazione ITT l’OS mediana non differiva significativamente tra trattamenti (HR: 0,93; P=0,4751) nell’analisi ad interim.
  • I pazienti trattati con atezolizumab più bevacizumab hanno sviluppato meno eventi avversi correlati al trattamento (treatment-related adverse event, TRAE; 40% vs. 54%).
    • Quello più comune era ipertensione (14% vs. 17%).
    • Il tasso di interruzione del trattamento a causa di TRAE era del 5% rispetto all’8%.

Limiti

  • Disegno in aperto.