Tumore renale: la sequenza nivolumab-cabozantinib ritarda la progressione

  • Vano YA & al.
  • Int J Cancer

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nei pazienti affetti da carcinoma a cellule renali metastatico (metastatic renal cell carcinoma, mRCC) che subiscono progressione durante il trattamento di prima linea con un inibitore tirosin-chinasico del recettore del fattore di crescita dell’endotelio vascolare (vascular endothelial growth factor receptor tyrosine kinase inhibitor, VEGFR-TKI), il trattamento con nivolumab seguito da cabozantinib (nivolumab-cabozantinib) è associato a una sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) prolungata rispetto alla sequenza cabozantinib-nivolumab.

Perché è importante

  • Questi risultati suggeriscono che cabozantinib può superare la resistenza al blocco della proteina di morte cellulare programmata 1.

Disegno dello studio

  • Studio retrospettivo CABIR di 139 pazienti affetti da mRCC che, dopo aver subito progressione durante il trattamento di prima linea con VEGFR-TKI, hanno ricevuto la sequenza cabozantinib-nivolumab (27%) o nivolumab-cabozantinib (73%).
  • L’endpoint primario era la PFS dall’inizio della seconda linea di terapia alla progressione durante la terza linea di terapia (PFS2–3).
  • Finanziamento: IPSEN pharma.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano a partire dalla seconda linea di terapia è stato rispettivamente di 19,7 mesi con la sequenza cabozantinib-nivolumab e di 24,1 mesi con quella nivolumab-cabozantinib.
  • La PFS2–3 mediana è risultata rispettivamente di 26,2 mesi con la sequenza nivolumab-cabozantinib e di 16,0 mesi con quella cabozantinib-nivolumab (HR=0,53; P=0,02).
  • Non è stata osservata alcuna differenza in termini di PFS durante la terapia di seconda linea tra le 2 sequenze di trattamento.
  • Nella terapia terza linea, la sequenza cabozantinib-nivolumab è risultata associata a una PFS maggiore rispetto alla sequenza nivolumab-cabozantinib (HR=0,39; P<0,001).

Limiti

  • Studio retrospettivo.