Tumore renale: la chirurgia robot-assistita riduce le complicanze, ma con costi maggiori

  • Crocerossa F & al.
  • Eur Urol
  • 17/11/2020

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nei pazienti con carcinoma a cellule renali (renal cell carcinoma, RCC) la nefrectomia radicale robot-assistita (robot-assisted radical nephrectomy, RARN) è associata a meno complicanze e a una degenza ospedaliera più breve rispetto alla nefrectomia radicale a cielo aperto (open radical nephrectomy, ORN).
  • Il costo totale per l’ospedale è tuttavia maggiore in caso di RARN.

Perché è importante

  • In assenza di una sperimentazione randomizzata che confronti approccio chirurgico a cielo aperto e robot-assistito, questa metanalisi fornisce i dati più ampi e di massimo livello.

Disegno dello studio

  • Metanalisi di 12 studi che hanno incluso 64.221 pazienti con RCC sottoposti a nefrectomia radicale (RN).
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • La RARN, rispetto alla RN laparoscopica, è risultata associata in modo significativo a:
    • interventi di durata maggiore, differenza media ponderata (weighted mean difference, WMD) di 37,4 minuti (P=0,03);
    • ricoveri di durata inferiore, WMD di -0,84 giorni (P=0,02);
    • costi totali più elevati, WMD di 4.700 USD (P
  • La RARN, rispetto alla ORN, ha evidenziato in modo significativo:
    • un tasso complessivo di complicanze inferiore, OR aggregato di 0,56 (P
    • una perdita di sangue stimata inferiore, WMD di -702 ml (P=0,01);
    • ricoveri di durata inferiore, WMD di -3,06 giorni (P
    • un tasso di trasfusioni inferiore, OR=0,07 (P
    • costi ospedalieri totali più elevati, WMD di 4.520 USD (P=0,004).

Limiti

  • Non è stata inclusa alcuna sperimentazione randomizzata.
  • Eterogeneità tra gli studi.