Tumore renale: cabozantinib evidenzia un beneficio in termini di sopravvivenza corretta per la qualità rispetto a sunitinib

  • Chen RC & al.
  • Cancer

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nei pazienti con carcinoma a cellule renali (renal cell carcinoma, RCC) in stadio avanzato, cabozantinib evidenzia un miglioramento clinicamente significativo della sopravvivenza corretta per la qualità rispetto a sunitinib.

Perché è importante

  • Questi risultati possono rappresentare informazioni utili per le decisioni cliniche sulla gestione dei pazienti affetti da RCC.

Disegno dello studio

  • Analisi post-hoc della sperimentazione di fase 2 CABOSUN.
  • 157 pazienti con RCC a rischio intermedio/sfavorevole sono stati assegnati casualmente a ricevere cabozantinib o sunitinib.
  • I diagrammi della sopravvivenza per cabozantinib e sunitinib (fino a 650 giorni di follow-up) sono stati suddivisi in 3 stati di salute: tempo senza progressione o tossicità (TWiST), tempo prima della progressione ma con tossicità (TOX) e tempo dopo la recidiva (REL).
  • Esito: tempo corretto per la qualità senza sintomi o tossicità (Q-TWiST).
  • Finanziamento: Ipsen.

Risultati principali

  • Il Q-TWiST era maggiore con cabozantinib rispetto a sunitinib (intervallo delle differenze, da +24 a +137 giorni).
  • Il prolungamento del Q-TWiST con cabozantinib, rispetto a sunitinib, è risultato statisticamente significativo assumendo una ponderazione per l’utilità di:
    • 0 o 0,25 per REL e qualsiasi ponderazione per l’utilità per TOX, differenza variabile tra +103 e +137 giorni.
    • 0,355 per REL, qualsiasi ponderazione per l’utilità per TOX e 1 per TWiST, differenza variabile tra +92 e +99 giorni.

Limiti

  • La durata degli eventi avversi non è stata valutata nella sperimentazione ed era basata sulla letteratura pubblicata.