Tumore renale: avelumab più axitinib sono ben tollerati dai pazienti anziani affetti da carcinoma a cellule renali in stadio avanzato

  • Tomita Y & al.
  • ESMO Open

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Si osserva una tendenza a un miglioramento della sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) dei pazienti affetti da carcinoma a cellule renali in stadio avanzato in tutte le fasce di età con avelumab + axitinib come terapia di prima linea rispetto a sunitinib.

Perché è importante

  • I risultati indicano che il trattamento è ben tollerato e può essere valutato per i pazienti anziani.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 3 JAVELIN Renal 101 di pazienti affetti da carcinoma a cellule renali in stadio avanzato assegnati casualmente a terapia di prima linea con avelumab + axitinib o a sunitinib.
  • Finanziamento: Pfizer.

Risultati principali

  • Al cutoff dei dati, avelumab + axitinib hanno migliorato significativamente la PFS mediana dei soggetti di età <65 anni rispetto a sunitinib: 11,6 rispetto a 6,9 mesi (HRnon stratificato=0,63; IC 95%, 0,501–0,786).
  • È stata osservata una tendenza a un beneficio in termini di PFS con avelumab + axitinib in pazienti di età tra ≥65 e <75 anni (13,8 vs. 11,0 mesi; HRnon stratificato=0,88; IC 95%, 0,627–1,231) e di età ≥75 anni (13,8 vs. 9,8 mesi; HRnon stratificato=0,76; IC 95%, 0,378–1,511).
  • Il tasso di risposta obiettiva è risultato più elevato nel gruppo trattato con avelumab + axitinib rispetto a sunitinib:
    • età <65 anni, 49,4% rispetto a 27,3%;
    • età tra ≥65 e <75 anni, 60,9% rispetto a 28,9%;
    • età ≥75 anni, 42,4% rispetto a 22,0%.
  • Il tasso di eventi avversi di grado ≥3 nei pazienti di età <65 anni, tra ≥65 e <75 anni e ≥75 anni del gruppo trattato con avelumab + axitinib è risultato rispettivamente del 76,9%, 81,2% e 72,7%.

Limiti

  • Studio in aperto.
  • I dati relativi alla sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) sono immaturi.