Tumore prostatico: una metanalisi suggerisce che il fallimento locale è un fattore prognostico indipendente della sopravvivenza

  • Kishan AU & et al.
  • Eur Urol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nei pazienti con tumore prostatico localizzato di alto grado sottoposti a radioterapia, il fallimento locale evidenzia un’associazione indipendente con la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS), la sopravvivenza specifica per il tumore prostatico (prostate cancer-specific survival, PCSS) e la sopravvivenza libera da metastasi a distanza (distant metastasis-free survival, DMFS).
  • Il fallimento locale prima dello sviluppo di metastasi a distanza è associato a una PCSS inferiore.

Perché è importante

  • Il fallimento locale in questi pazienti giustifica l’intensificazione del trattamento iniziale.

Disegno dello studio

  • Una metanalisi di 6 studi randomizzati che hanno coinvolto 992 pazienti affetti da tumore prostatico localizzato di alto grado.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano era di 6,4 anni.
  • Il fallimento locale era associato a OS (HR: 1,70; P<0,001), PCSS (HR: 3,10; P<0,001) e DMFS (HR, 1,92; P<0,001) peggiori.
  • Nei pazienti che hanno ricevuto radioterapia + terapia androgenica a breve termine e hanno sviluppato metastasi a distanza, il tempo mediano all’evento era significativamente maggiore nei soggetti che avevano subito un fallimento locale rispetto a quelli senza fallimento locale (4,58 vs. 2,38 anni; P<0,01).
  • I pazienti che non erano passati allo stato di fallimento locale prima dello sviluppo di metastasi a distanza hanno ottenuto una PCSS significativamente maggiore rispetto a quelli non passati allo stato di fallimento locale (HR: 0,14; P<0,001).
  • I pazienti passati allo stato di fallimento locale hanno evidenziato un aumento del rischio di metastasi a distanza o di decesso (HR: 1,86; P=0,04) rispetto a quelli che non sono passati allo stato di fallimento locale.

Limiti

  • Eterogeneità tra gli studi.