Tumore prostatico sensibile alla castrazione: l’aumento dei livelli di testosterone probabilmente peggiora gli esiti

  • Saad F & al.
  • J Urol
  • 01/09/2020

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • È stata osservata variabilità nei livelli di aumento dei valori di testosterone oltre una data soglia (breakthrough) nelle sperimentazioni che hanno valutato i pazienti con tumore della prostata sensibile alla castrazione (castration-sensitive prostate cancer, CSPC) trattati con terapia di deprivazione androgenica (androgen deprivation therapy, ADT).
  • I risultati di sperimentazioni più ampie evidenziano un rischio maggiore di esiti peggiori associati ai tassi di breakthrough.

Perché è importante

  • Gli autori concludono che “i breakthrough sono probabilmente nocivi e dovrebbero essere evitati”.
  • La notevole eterogeneità nella metodologia sottolinea la necessità di standardizzare la valutazione dei livelli di testosterone.

Disegno dello studio

  • Revisione sistematica di 45 studi con un totale di 52 coorti che rappresentano 6.047 pazienti affetti da CSPC trattati con ADT.
  • Finanziamento: Sanofi Canada.

Risultati principali

  • Sono stati osservati tassi medi ponderati di breakthrough maggiori per la soglia di 0,7 nmol/l rispetto a quella di 1,7 nmol/l (41,3% vs. 6,9%; P
  • Nella maggior parte delle analisi non è stata osservata un’associazione significativa, ma la tendenza delle correlazioni era coerente tra gli studi e ha evidenziato un rischio maggiore di esiti peggiori con breakthrough superiori a un particolare valore soglia.
  • Tenendo in considerazione gli esiti di sperimentazioni più ampie (dimensione del campione superiore a 100) e tassi maggiori di eventi (superiori al 50%) per il valore soglia più basso, sono state osservate associazioni significative tra tassi di breakthrough ed esiti clinici.
  • Fattori clinici quali la frequenza di somministrazione e di monitoraggio, il tipo di analisi del testosterone e il tipo di terapia di deprivazione androgenica non hanno influenzato significativamente i tassi di breakthrough.

Limiti

  • Alcuni studi inclusi erano esplorativi e avevano una potenza insufficiente.