Tumore prostatico resistente alla castrazione: qual è la sequenza ottimale per abiraterone - enzalutamide?

  • Khalaf DJ & et al.
  • Lancet Oncol
  • 11/11/2019

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nei pazienti con tumore prostatico resistente alla castrazione metastatico (metastatic castration-resistant prostate cancer, mCRPC) la sequenza terapeutica abiraterone + prednisone seguita da enzalutamide evidenzia un tempo maggiore alla progressione in base al PSA e una percentuale maggiore di pazienti con risposta in termini di PSA rispetto alla sequenza terapeutica opposta.

Perché è importante

  • Si tratta del primo confronto diretto randomizzato tra abiraterone + prednisone ed enzalutamide.
  • Enzalutamide come terapia di seconda linea può essere considerato un’opzione terapeutica appropriata dopo la prima progressione con abiraterone + prednisone.

Disegno dello studio

  • Studio di fase 2 di 202 pazienti affetti da mCRPC, assegnati casualmente in rapporto 1:1 ad abiraterone + prednisone seguiti da passaggio alla terapia con enzalutamide al momento della progressione in base al PSA (gruppo abiraterone - enzalutamide) o viceversa (gruppo enzalutamide - abiraterone).
  • Finanziamento: Canadian Cancer Society Research Institute; altri.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano era di 30,7 mesi.
  • Endpoint primari nel gruppo abiraterone - enzalutamide rispetto a enzalutamide-abiraterone:
    • il tempo mediano alla seconda progressione in base ai PSA era di 19,3 mesi rispetto a 15,2 mesi (HR: 0,66; P=0,36); 
    • il 36% dei pazienti, rispetto al 4%, ha evidenziato risposte in termini di PSA (P
  • il tempo alla progressione in base al PSA non differiva statisticamente dopo il trattamento di prima linea (HR: 0,95; P=0,78);
  • è stata osservata risposta in base al PSA nel 68% dei pazienti trattati con abiraterone come prima linea e nell’82% dei pazienti trattati con enzalutamide come prima linea.
  • Il tasso di eventi avversi seri era del 15% con abiraterone + prednisone e del 20% con la sequenza enzalutamide - abiraterone.
  • Gli eventi avversi di grado 3–4 più comuni erano ipertensione e stanchezza.

Limiti

  • Studio in aperto.