Tumore prostatico resistente alla castrazione: nivolumab più ipilimumab dimostrano attività

  • Sharma P & et al.
  • Cancer Cell
  • 10/09/2020

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nivolumab più ipilimumab evidenziano attività antitumorale nei pazienti con tumore prostatico resistente alla castrazione metastatico (metastatic castration-resistant prostate cancer, mCRPC).
  • Analisi esplorative hanno identificato potenziali biomarcatori.

Perché è importante

  • I risultati suggeriscono che combinare inibitori del checkpoint immunitario può rappresentare una strategia utile per questi pazienti e dovrebbe essere esplorata ulteriormente.

Disegno dello studio

  • Studio preliminare di fase 2 di 90 pazienti affetti da mCRPC trattati con nivolumab più ipilimumab.
  • I pazienti sono stati classificati come:
    • naïve alla chemioterapia (coorte 1; n=45); e
    • con progressione durante la chemioterapia (coorte 2; n=45).
  • Finanziamento: Bristol-Myers Squibb; ONO Pharmaceutical Company Limited.

Risultati principali

  • Nelle coorti 1 e 2, rispettivamente:
    • follow-up mediano di 11,9 e 13,5 mesi;
    • tasso di riposta obiettiva (objective response rate, ORR) del 25% e 10%;
    • sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana di 19,0 e 15,2 mesi;
    • sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) radiografica mediana (IC 95%) di 5,5 (3,5-7,1) e 3,8 (2,1-5,1) mesi;
    • OS mediana (IC 95%) di 19,0 (11,5-non stimabile [not estimable, NE]) e 15,2 (8,4-NE) mesi;
    • tassi di OS a 12 mesi del 67% e 58%.
  • I pazienti con alto carico mutazionale del tumore hanno evidenziato maggiore:
    • ORR, 50,0% rispetto a 5,3%;
    • OS, 19,0 rispetto a 10,1 mesi.
  • Analogamente, la risposta e la sopravvivenza erano maggiori nei pazienti con:
    • tumori positivi per il deficit di ricombinazione omologa rispetto a tumori negativi;
    • tumori positivi per la riparazione del DNA rispetto a tumori negativi;
    • alta espressione di PD-L1 rispetto a bassa.

Limiti  

  • Piccolo studio con follow-up breve.