Tumore prostatico resistente alla castrazione metastatico: risultati in termini di QoL di docetaxel somministrato ogni 2 settimane rispetto a ogni 3 settimane

  • Lehtonen M & al.
  • Acta Oncol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Docetaxel somministrato ogni due settimane non è peggiore di docetaxel somministrato ogni tre settimane in termini di qualità della vita (quality of life, QoL) correlata alla salute totale in pazienti affetti da tumore prostatico resistente alla castrazione (castration-resistant prostate cancer, CRPC) metastatico.

Perché è importante

  • I dati sulla QoL e il beneficio in termini di sopravvivenza riportato precedentemente suggeriscono un regime di somministrazione ogni 2 settimane in questo quadro.

Disegno dello studio

  • Analisi della QoL correlata alla salute della sperimentazione di fase 3, randomizzata PROSTY, nella quale pazienti affetti da CRPC sono stati assegnati casualmente a un regime di docetaxel somministrato ogni 2 o 3 settimane.
  • Finanziamento: Sanofi; Competitive State Research Financing dell’Expert Responsibility Area dell’Ospedale Universitario di Tampere; Cancer Society of Finland.

Risultati principali

  • Non sono state osservate differenze clinicamente significative in termini di QoL correlata alla salute dopo 7 mesi.
  • I punteggi di Valutazione funzionale della terapia oncologica-prostata (Functional Assessment of Cancer Therapy-Prostate, FACT-P) sono risultati più elevati il mese 8 nel gruppo assegnato a docetaxel ogni 3 settimane (media di 51,5 vs. 39,9 punti; P=0,020); il mese 9 sono risultati più elevati per il regime di somministrazione ogni 2 settimane (media di 31,4 vs. 44,2 punti; P=0,043). Non è stata osservata alcuna differenza statisticamente significativa durante altri mesi.
  • Rispetto alla somministrazione ogni 2 settimane, i pazienti nel gruppo che prevedeva la somministrazione ogni 3 settimane hanno evidenziato un deterioramento più duraturo dei punteggi del FACT Indice avanzato dei sintomi della prostata-8 e del sottodominio relativo al benessere emotivo all’inizio del trattamento (P<0,05).
  • Sono state osservate varie differenze dopo 1 mese nei sottodomini FACT-P (ad eccezione del benessere funzionale) a favore dei pazienti assegnati alla somministrazione ogni 2 settimane, ad eccezione del sottodominio relativo al tumore prostatico.
  • Non sono state osservate differenze nei punteggi relativi al dolore in base alla scala analogica visiva (P>0,05).

Limiti

  • Potenza dello studio in diminuzione per l’analisi della QoL.