Tumore prostatico localizzato: la radioterapia in 4 frazioni è sicura e fattibile

  • Kawakami S & et al.
  • Radiat Oncol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Uno schema di radioterapia stereotassica corporea (stereotactic body radiotherapy, SBRT) in 4 frazioni è sicuro e fattibile per i pazienti affetti da tumore prostatico localizzato, con un buon controllo della malattia.

Perché è importante

  • Uno schema in 4 frazioni potrebbe ottenere un controllo del tumore simile a quello ottenuto con uno schema che prevede 5 frazioni, sebbene con maggiore tossicità, e potrebbe anche ridurre l’effetto residuo del trattamento (carry-over) della settimana precedente.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 2 di 55 pazienti affetti da tumore prostatico localizzato trattati con SBRT (36 Gy in 4 frazioni) tra il 2015 e il 2018.
  • Finanziamento: Japanese Foundation for Multidisciplinary Treatment of Cancer.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano è stato di 36 mesi.
  • Il tasso di controllo biochimico a 3 anni è risultato dell’89,8% nella coorte complessiva e del 100%, 93,3% e 78,3% nei pazienti a rischio rispettivamente basso, intermedio e alto.
  • È stata osservata tossicità genitourinaria (GU) e gastrointestinale (GI) di grado 2 acuta rispettivamente nel 9% e nell’11% dei pazienti.
  • Non sono state osservate tossicità acute di grado 3 o superiore.
  • È stata osservata tossicità GU e GI di grado 2 tardiva rispettivamente nel 13% e nel 7% dei pazienti. È stata osservata tossicità GU e GI di grado 3 tardiva nell’1,8% dei pazienti.

Limiti

  • Studio di piccole dimensioni.