Tumore prostatico localizzato: il trattamento chirurgico migliora la sopravvivenza a lungo termine

  • Wilt TJ & et al.
  • Eur Urol
  • 17/02/2020

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nel tumore prostatico localizzato, il trattamento chirurgico, rispetto all’osservazione, determina una riduzione assoluta di 5,7 punti percentuali del rischio di mortalità per tutte le cause e un aumento di 1 anno della sopravvivenza media a 18 anni.

Perché è importante

  • Sono necessarie strategie per identificare gli uomini che otterranno benefici dal trattamento chirurgico, riducendo al contempo il trattamento inefficace e il sovratrattamento.

Disegno dello studio

  • Analisi a lungo termine della sperimentazione PIVOT: 731 pazienti con tumore prostatico localizzato sono stati assegnati casualmente a prostatectomia radicale od osservazione.
  • Finanziamento: National Cancer Institute; Agency for Health Care Research and Quality.

Risultati principali

  • Follow-up mediano per i partecipanti sopravvissuti di 18,6 anni.
  • Il rischio di mortalità per tutte le cause era significativamente inferiore in caso di trattamento chirurgico (HR: 0,84 [P=0,044]; riduzione del rischio assoluto di 5,7 punti percentuali a 22,1 anni).
  • La sopravvivenza media ristretta dopo 22,1 anni era di 13,6 anni nel gruppo trattato chirurgicamente rispetto a 12,6 anni nel gruppo in osservazione.
  • La differenza assoluta nella mortalità per tutte le cause tra trattamento chirurgico e osservazione era maggiore
    • nei pazienti di età
  • Gli effetti assoluti e la sopravvivenza media erano maggiori negli uomini con malattia a rischio intermedio (rispettivamente 13 punti percentuali e 2,1 anni guadagnati), ma non in quelli con malattia a rischio basso e alto.

Limiti

  • La mortalità del tumore prostatico non è stata riportata.