Tumore prostatico: la terapia iniziale con enzalutamide può determinare un vantaggio in termini di sopravvivenza

  • Schoen M & al.
  • Res Sq

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Lo studio presentato in questa sintesi è stato pubblicato come prestampa su researchsquare.com e non è stato ancora sottoposto a revisione tra pari.

 

Conclusioni

  • I pazienti affetti da tumore prostatico resistente alla castrazione metastatico (metastatic castration-resistant prostate cancer, mCRPC) che ricevono enzalutamide rispetto ad abiraterone come trattamento iniziale evidenziano una durata maggiore della terapia e della sopravvivenza.
  • Anche gli uomini anziani e quelli con diabete o malattie cardiovascolari ottengono maggiori benefici con enzalutamide.

Perché è importante

  • Non è disponibile un confronto diretto tra enzalutamide e abiraterone.
  • Questi risultati suggeriscono che i medici possono valutare di iniziare preferibilmente il trattamento con enzalutamide, in particolare nel caso degli uomini anziani e di quelli che soffrono di malattie cardiovascolari o di diabete comorbili.

Disegno dello studio

  • Studio di 5.822 pazienti affetti da mCRPC trattati inizialmente con abiraterone (57%) o enzalutamide (43%) tra settembre 2014 e giugno 2017.
  • Finanziamento: Veterans Affairs Medical Center di Saint Louis.

Risultati principali

  • I pazienti trattati con enzalutamide, rispetto ad abiraterone, hanno continuato a ricevere il trattamento per un periodo più lungo (mediana di 11,7 vs. 9,1 mesi; P<0,001) e hanno evidenziato una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana più lunga (24,2 vs. 22,1 mesi; P=0,001).
  • Nei pazienti con malattie cardiovascolari o diabete enzalutamide è risultato associato a una durata mediana del trattamento più lunga (11,4 vs. 8,6 mesi) e a una OS mediana più lunga (23,2 vs. 20,5 mesi).
  • Nell’analisi con appaiamento in base all’indice di propensione enzalutamide è risultato associato a un rischio inferiore di mortalità (HR=0,90; IC 95%, 0,84–0,96).

Limiti

  • Disegno retrospettivo.