Tumore prostatico: la terapia focale è sicura ed efficace in pazienti selezionati

  • Ehdaie B & al.
  • Lancet Oncol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La terapia focale con ultrasuoni focalizzati guidata dalla RM è sicura ed efficace in pazienti selezionati affetti da tumore prostatico di grado 2 o 3.

Perché è importante

  • È giustificata una sperimentazione comparativa di fase 3 per stabilire se un approccio di preservazione del tessuto possa ritardare o eliminare la necessità di trattamento radicale dell’intera ghiandola nel lungo periodo per i pazienti affetti da tumore prostatico a rischio intermedio.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 2b di 101 pazienti (età mediana di 63 anni) affetti da adenocarcinoma prostatico unilaterale, visibile alla RM, primitivo, a rischio intermedio, non trattato precedentemente, sottoposti a terapia focale con ultrasuoni focalizzati guidata dalla RM della lesione indice.
  • Finanziamento: Insightec; NIH.

Risultati principali

  • Dopo 24 mesi, l’88% degli uomini non presentava evidenze di tumore prostatico di grado ≥2 nell’area trattata.
  • Il 60% degli uomini non presentava evidenze di tumore prostatico di grado ≥2 nella ghiandola prostatica.
  • La diminuzione media dell’antigene prostatico specifico (prostate-specific antigen, PSA) è risultata pari a -2,6 ng/ml dopo 24 mesi.
  • È stato riportato 1 evento avverso correlato al trattamento (treatment-related adverse event, TEAE) di grado 3.
  • Non sono stati segnalati TEAE di grado 4 o 5 e decessi correlati al trattamento.

Limiti

  • Mancanza di un comparatore.