Tumore prostatico: l’ADT offre benefici ai pazienti a rischio intermedio sfavorevole

  • Zumsteg ZS & et al.
  • JAMA Netw Open
  • 09/09/2020

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Gli esiti oncologici sono significativamente peggiori nei pazienti con tumore prostatico sottoposto a radioterapia a rischio intermedio sfavorevole rispetto a favorevole.
  • La terapia di deprivazione androgenica (androgen deprivation therapy, ADT) è associata a un miglioramento significativo del rischio di metastasi a distanza (distant metastasis, DM) e di mortalità tumore-specifica (cancer-specific mortality, CSM) nei pazienti a rischio intermedio sfavorevole rispetto al mancato uso di ADT.

Perché è importante

  • Questo studio conferma le raccomandazioni del National Comprehensive Cancer Network (NCCN) che prevedono radioterapia per i pazienti a rischio favorevole e radioterapia più ADT per i pazienti a rischio sfavorevole.

Disegno dello studio

  • Analisi secondaria della sperimentazione randomizzata RTOG 9408 di NRG Oncology.
  • Un totale di 890 pazienti con tumore prostatico a rischio intermedio ha ricevuto radioterapia con o senza 4 mesi di ADT.
  • Finanziamento: National Cancer Institute.

Risultati principali

  • Follow-up mediano di 17,8 anni.
  • I pazienti a rischio intermedio sfavorevole (n=513), rispetto a favorevole (n=377), presentavano un rischio maggiore (tutti HR) di:
    • DM, 2,36 (P=0,001);
    • CSM, 1,84 (P=0,001);
    • mortalità per tutte le cause, 1,19 (P=0,03);
  • Nei pazienti a rischio intermedio favorevole, l’uso di ADT non era associato al rischio di:
    • DM, 1,55 (P=0,33);
    • CSM, 0,63 (P=0,13);
    • mortalità per tutte le cause, 1,02 (P=0,90).
  • Nei pazienti a rischio intermedio sfavorevole, l’uso di ADT ha ridotto significativamente il rischio di:
    • DM, 0,48 (P=0,008);
    • CSM, 0,40 (P
  • La durata media della sopravvivenza limitata a 15 anni era maggiore nei pazienti a rischio sfavorevole in caso di ADT rispetto a mancata ADT (10,5 vs. 9,8 anni; P=0,0497).

Limiti

  • Analisi secondaria non pianificata.