Tumore prostatico: i dati sulla qualità della vita confermano la terapia aggiuntiva con olaparib

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nei pazienti affetti da tumore prostatico resistente alla castrazione metastatico trattati precedentemente non si osserva alcuna differenza significativa nella qualità della vita (quality of life, QoL) correlata alla salute e nel dolore con olaparib più abiraterone rispetto al placebo più abiraterone.

Perché è importante

  • Questi dati sulla QoL aiuteranno pazienti e medici a prendere decisioni informate.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 2, in doppio cieco, randomizzata, controllata con placebo di 142 pazienti affetti da tumore prostatico resistente alla castrazione metastatico trattati precedentemente con docetaxel, assegnati casualmente a ricevere olaparib più abiraterone (n=71) o placebo più abiraterone (n=71).
  • Finanziamento: AstraZeneca; Merck & Co, Rahway, NJ, Stati Uniti.

Risultati principali

  • Nel gruppo trattato con olaparib più abiraterone, rispetto a quello trattato con placebo più abiraterone:
    • il follow-up mediano è stato di 15,9 rispetto a 24,5 mesi;
    • la variazione media corretta rispetto al basale dell’indice degli esiti del trattamento (Treatment Outcome Index, TOI) in base alla valutazione funzionale della terapia oncologica per la prostata (Functional Assessment of Cancer Therapy-Prostate, FACT-P) è risultato di 0,10 rispetto a -1,20 (P=0,52).
    • Tempo al peggioramento nel gruppo trattato con olaparib più abiraterone rispetto a quello trattato con placebo più abiraterone:
      • il punteggio TOI FACT-P è risultato 7,9 rispetto a 5,6 mesi (HR=0,86; P=0,21);
      • il peggior dolore secondo il breve inventario del dolore in forma abbreviata (Brief Pain Inventory-Short Form) è risultato 8,1 rispetto a 7,6 mesi (HR=0,90; P=0,30);
      • l’item relativo al peggior dolore osseo è risultato 8,7 rispetto a 8,2 mesi (HR=0,85; P=0,18).
    • I punteggi TOI e delle sottoscale del benessere funzionale e del benessere fisico FACT-P sono risultati simili.
  • Il miglioramento del dominio del dolore e del fastidio secondo il questionario EuroQoL a 5 dimensioni e 5 livelli è risultato simile tra gruppi alla settimana 48, dopodiché ha riportato un miglioramento una percentuale maggiore di pazienti nel gruppo trattato con olaparib più abiraterone rispetto a quello trattato con placebo più abiraterone.

Limiti

  • Analisi esplorativa.