Tumore prostatico: gli antiandrogeni di seconda generazione sono collegati a depressione

  • Nowakowska MK & al.
  • JAMA Netw Open

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I pazienti affetti da tumore prostatico che ricevono antiandrogeni di seconda generazione evidenziano un rischio maggiore di depressione rispetto a quelli che ricevono solo terapia ormonale (hormone therapy, HT) tradizionale o che non ricevono HT.

Perché è importante

  • Le informazioni sull’associazione tra antiandrogeni di seconda generazione e depressione sono limitate.

Disegno dello studio

  • Studio di 30.069 pazienti affetti da tumore prostatico senza un secondo tumore nel corso di 12 mesi nel periodo tra il 2011 e il 2015.
  • Finanziamento: National Institutes of Health (NIH).

Risultati principali

  • La durata mediana del follow-up è stata di 3,8 anni.
  • Il 59% dei pazienti non ha ricevuto HT, il 38% ha ricevuto solo HT tradizionale e il 3% ha ricevuto un antiandrogeno di seconda generazione.
  • Gli antiandrogeni di seconda generazione sono risultati associati a un aumento del rischio di depressione rispetto a
    • mancata HT (HR=2,15; P<0,001);
    • HT tradizionale (HR=2,26; P<0,001), inclusi in particolare i pazienti con malattia metastatica alla diagnosi (HR=2,40; P=0,002).

Limiti

  • Studio retrospettivo.