Tumore prostatico: confronto dell’efficacia di diversi trattamenti dopo 10 anni

  • Suárez JF & al.
  • Sci Rep

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Dieci anni dopo il trattamento, la brachiterapia evidenzia una sopravvivenza simile alla radioterapia esterna nei pazienti affetti da tumore prostatico clinicamente localizzato, ma con un rischio più elevato di progressione biochimica.

Perché è importante

  • Questi risultati suggeriscono che nessun singolo trattamento può essere ritenuto la strategia preferibile per la gestione di tutti i pazienti e possono aiutare gli operatori sanitari a facilitare un processo decisionale clinico condiviso.

Disegno dello studio

  • Studio osservazionale, prospettico di 704 pazienti affetti da tumore prostatico clinicamente localizzato trattati con prostatectomia radicale (n=192), brachiterapia (n=317) o radioterapia esterna (n=195).
  • Finanziamento: Instituto de Salud Carlos III FEDER: Fondo Europeo de Desarrollo Regional; Generalitat de Catalunya, Spagna; CIBER de Epidemiología y Salud Pública.

Risultati principali

  • Dopo 10 anni, i tassi di sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) sono risultati rispettivamente dell’85,3%, 78,1% e 73,3% nei pazienti sottoposti a prostatectomia radicale, brachiterapia e radioterapia esterna.
  • Rispetto alla prostatectomia radicale, la brachiterapia e la radioterapia esterna:
    • non hanno migliorato l’OS a 10 anni (rispettivamente aHR=1,36 [P=0,292] e 1,44 [P=0,222]);
    • hanno peggiorato significativamente la sopravvivenza libera da recidiva biochimica a 10 anni (rispettivamente aHR=1,93 [P=0,004] e 2,56 [P<0,001]).
  • La mortalità specifica per il tumore prostatico è risultata significativamente maggiore nel gruppo trattato con radioterapia esterna (aHR=9,37; P=0,015) rispetto al gruppo sottoposto a prostatectomia radicale.

Limiti

  • Disegno osservazionale.