Tumore polmonare: una maggiore massa muscolare significa esiti migliori dopo la pneumonectomia

  • Madariaga MLL & al.
  • Ann Thorac Surg
  • 07/12/2019

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I pazienti con bassa superficie di muscolo scheletrico toracico (thoracic skeletal muscle area, TSMA) sottoposti a pneumonectomia per tumore polmonare presentano un rischio maggiore di complicanze postoperatorie e di riammissione in ospedale e un ricovero di durata (length of stay, LOS) maggiore rispetto a quelli con una massa muscolare maggiore.

Perché è importante

  • Ricerca precedente da parte degli autori dello studio ha indicato che una bassa TSMA è associata a un aumento del rischio di complicanze postoperatorie e di utilizzo dell’assistenza sanitaria nei pazienti con tumore polmonare sottoposti a lobectomia.

Disegno dello studio

  • 130 pazienti sono stati sottoposti a pneumonectomia per tumore polmonare.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • 33 pazienti erano nel quartile inferiore di TSMA; 97 erano in quartili più alti.
  • I pazienti con TSMA bassa presentavano complessivamente un numero maggiore di complicanze gravi rispetto a quelli con TSMA più alta (45,5% vs. 28,9%; P=0,08) e un numero 3 volte maggiore di complicanze cardiopolmonari gravi (30,3% vs. 10,3%; P=0,006).
  • I pazienti con TSMA bassa presentavano una LOS maggiore (P=0,025), una maggiore probabilità di essere dimessi in una struttura e non a casa (18,2% vs. 8,2%; P=0,117) e tassi di riammissione in ospedale a 90 giorni maggiori (27,3% vs. 14,4%; P=0,095).
  • Un aumento di 10 cm2 del muscolo era associato a un rischio inferiore di complicanze complessivamente (OR: 0,87; P=0,04) e di complicanze cardiopolmonari (OR: 0,86; P=0,04).

Limiti

  • Studio retrospettivo, monocentrico.