Tumore polmonare: un nuovo tracciante per la diagnostica per immagini con PET supera di gran lunga il tracciante standard nell’individuare le metastasi

  • Wang L & al.
  • Radiology

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Un nuovo tracciante per la diagnostica per immagini con tomografia a emissione di positroni (positron emission tomography, PET), un inibitore della proteina di attivazione dei fibroblasti (fibroblast-activation protein inhibitor, FAPI) marcato con gallio 68 (68Ga-FAPI), ottiene risultati nettamente migliori rispetto al tracciante standard, fluorodeossiglucosio marcato con fluoro 18 (18F-FDG), nell’individuare le metastasi dei pazienti affetti da tumore polmonare.

Perché è importante

  • L’avvento della diagnostica per immagini con 68Ga-FAPI potrebbe consentire una migliore visualizzazione e caratterizzazione dell’intero carico tumorale in un’unica sessione.

Disegno dello studio

  • In uno studio prospettico, ricercatori cinesi hanno analizzato le scansioni PET effettuate su 34 pazienti affetti da tumore polmonare usando sia 68Ga-FAPI sia 18F-FDG.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Il 68Ga-FAPI ha consentito di identificare un numero maggiore di metastasi nei linfonodi (356 vs. 320), nel cervello (23 vs. 10), nelle ossa (109 vs. 91) e nella pleura (66 vs. 35) rispetto al 18F-FDG.
  • Entrambi i traccianti hanno evidenziato prestazioni comparabili nell’identificare tumori primitivi e metastasi polmonari, epatiche e surrenaliche.
  • Tuttavia, nessuna delle due modalità ha evidenziato prestazioni migliori rispetto alla risonanza magnetica (RM) nell’identificare le metastasi cerebrali.

Limiti

  • Campione di piccole dimensioni.