Tumore polmonare non a piccole cellule dopo resezione completa: l’efficacia di un approccio di follow-up basato su TC

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • TC più radiografia del torace come follow-up del tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) dopo resezione completa (stadi I–IIIA) sono migliori delle sole radiografie per l’identificazione delle recidive, ma non migliorano la sopravvivenza.

Perché è importante

  • Identificate tempestivamente, le recidive sono più suscettibili al trattamento con intento curativo, favorendo pertanto il follow-up basato su TC rispetto alle sole radiografie.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 3, multicentrica, in aperto, randomizzata di 1.775 pazienti affetti da NSCLC sottoposto a resezione completa arruolati in 122 ospedali e centri terziari in Francia (periodo 2005–2012).
  • I pazienti sono stati randomizzati al follow-up basato su TC dopo il trattamento chirurgico (con visite in ospedale, radiografie del torace, scansioni TC toraco-addominali e broncoscopia a fibre ottiche per l’istologia diversa dall’adenocarcinoma) oppure al follow-up minimo dopo il trattamento chirurgico (visite e radiografie del torace).
  • Queste 2 procedure di follow-up sono state ripetute ogni 6 mesi per i primi 2 anni e successivamente annualmente fino a 5 anni.
  • Esito primario: sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) nella popolazione “intent-to-treat”.
  • Finanziamento: Ministero della Salute francese, Institut National du Cancer francese.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano è stato di 7,2 anni.
  • L’OS mediana non differiva tra gruppi (10,3 anni nel gruppo con follow-up basato su TC vs. 8,5 anni nel gruppo con follow-up minimo, con HR corretto [adjusted HR, aHR]=0,95; IC 95%, 0,83–1,10).
  • La sopravvivenza libera da malattia (disease-free survival, DFS) mediana non differiva tra gruppi (aHR=1,14; IC 95%, 0,99–1,30).
  • Nel gruppo con follow-up basato su TC è stato individuato un numero maggiore si casi di recidiva rispetto al gruppo con follow-up minimo (rispettivamente 32,6% vs. 27,7%). Le sedi di recidiva più comuni sono risultate polmone ipsilaterale, polmone controlaterale e cervello.
  • Nel gruppo con follow-up basato su TC è stato individuato un numero maggiore di secondi tumori polmonari primitivi rispetto al gruppo con follow-up minimo (rispettivamente 4,5% vs. 3,0%), ma non un numero maggiore di secondi tumori primitivi (rispettivamente 10,8% vs. 11,5%).
  • Nel gruppo con follow-up basato su TC, i secondi tumori polmonari primitivi sono risultati asintomatici nell’82,5% dei pazienti rispetto al 48,1% dei pazienti nel gruppo con follow-up minimo e sono stati trattati chirurgicamente o con sola radioterapia rispettivamente nel 50% e nel 29,6% dei pazienti.
  • Non sono stati registrati eventi avversi gravi correlati alle procedure della sperimentazione.

Limiti

  • Disegno in aperto.
  • Potenza insufficiente per la determinazione dell’OS, perché si sono verificati meno eventi di OS del previsto.