Tumore polmonare: lo screening precoce con TC a basso dosaggio potrebbe raddoppiare l’idoneità

  • USPSTF
  • 07/07/2020

  • Pavankumar Kamat
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Modificare i criteri di idoneità allo screening per il tumore polmonare con TC a basso dosaggio potrebbe quasi raddoppiare l’idoneità, in particolare per le donne e i soggetti di colore.

Perché è importante

  • La US Preventive Services Task Force (USPSTF) ha sviluppato una bozza di raccomandazione che evidenzia le modifiche proposte per l’idoneità allo screening, disponibile per commenti del pubblico fino al 3 agosto 2020.

Punti salienti

  • L’USPSTF ha proposto la riduzione dell’età a cui iniziare lo screening da 55 a 50 anni e la riduzione della storia di fumatore da 30 a 20 anni-pacchetto.
  • Raccomanda che gli adulti di età compresa tra 50 e 80 anni con una storia di fumatore 20 anni-pacchetto attualmente fumatori o che hanno smesso di fumare negli ultimi 15 anni vengano sottoposti allo screening annuale per il tumore polmonare con TC a basso dosaggio.
  • I soggetti di colore presentano un rischio maggiore di sviluppare tumori polmonari rispetto a quelli caucasici. 
  • Sebbene le donne fumatrici presentino un rischio inferiore di sviluppare tumori polmonari e di solito accumulino meno anni-pacchetto rispetto agli uomini che fumano, le evidenze suggeriscono che le donne possono sviluppare il tumore polmonare prima e con livelli di esposizione inferiori.
  • Pertanto, la riduzione dell’età minima per lo screening a 50 anni renderebbe idonei allo screening un numero maggiore di soggetti di colore e di donne.
  • La raccomandazione proposta afferma che sottoporre a screening soggetti di età compresa tra 50 e 80 anni con una storia di fumatore 20 anni-pacchetto attualmente fumatori o che hanno smesso di fumare negli ultimi 15 anni determinerà un aumento relativo della percentuale di soggetti idonei allo screening dell’81% negli uomini e del 96% nelle donne.

Limiti

  • Una preoccupazione importante in merito allo screening con TC a basso dosaggio per il tumore polmonare è il tasso relativamente elevato di risultati falsi positivi.