Tumore polmonare: la sopravvivenza più lunga delle donne è attribuibile a fattori prognostici

  • Yu XQ & al.
  • J Thorac Oncol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Le donne affette da tumore polmonare presentano una sopravvivenza più lunga rispetto agli uomini.
  • Il vantaggio in termini di sopravvivenza scompare se vengono considerati tutti i fattori prognostici noti.

Perché è importante

  • I risultati evidenziano la necessità di una migliore comprensione delle differenze di genere nell’accesso al trattamento e nelle scelte dei pazienti.

Disegno dello studio

  • 488 donne e 642 uomini dello studio “dai 45 in su” (45 and Up Study; arruolati tra il 2006 e il 2009) con una diagnosi di tumore polmonare incidente sono stati seguiti fino a dicembre 2015.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • La sopravvivenza al tumore polmonare delle donne è risultata significativamente più lunga (mediana di 1,28 vs. 0,77 anni; HR non corretto per gli uomini, 1,43; IC 95%, 1,25–1,64; P<0,0001).
  • La differenza in termini di sopravvivenza è rimasta significativa quando ogni sottogruppo dei principali fattori prognostici, assieme a età e anno della diagnosi, è stato valutato separatamente:
    • fattori correlati al paziente (HR corretto [adjusted HR, aHR]=1,26; P<0,03);
    • fattori legati allo stile di vita (aHR=1,24; P=0,005);
    • fattori correlati alla malattia (aHR=1,24; P=0,0031);
    • fattori correlati al trattamento (aHR=1,16; P=0,0012).
  • Dopo correzione per tutti i principali fattori prognostici noti, l’eccesso di rischio di tumore polmonare degli uomini non differiva significativamente da quello delle donne (HR=1,06; P=0,26).

Limiti

  • Anamnesi di fumatore autoriferita.