Tumore polmonare: incidenza di miocardite correlata agli ICI

  • Faubry C & al.
  • Front Cardiovasc Med

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Uno studio di coorte, prospettico indica che, con screening sistematico, l’incidenza cumulativa di miocardite nei pazienti trattati con inibitori del checkpoint immunitario (immune checkpoint inhibitor, ICI) è del 3%.
  • I casi sono lievi e l’esordio è più tardivo di quanto riportato precedentemente.

Perché è importante

  • L’incidenza cumulativa di miocardite correlata agli ICI in caso di screening sistematico è più elevata, con un esordio più tardivo, rispetto a quanto riportato in precedenza.

Disegno dello studio

  • Studio di coorte, prospettico, nel mondo reale di tutti i 99 pazienti affetti da tumore polmonare (tumore polmonare non a piccole cellule [non-small cell lung cancer, NSCLC] e microcitoma [small-cell lung cancer, SCLC]; stadi IIIB–IV) trattati con ICI presso un ospedale universitario francese da maggio a novembre 2020.
  • Lo screening sistematico della miocardite prevedeva ecocardiogramma (ECG) e livelli di 2 biomarcatori (troponina I e peptide natriuretico) prima della prima somministrazione di ICI e prima di ciascuna infusione.
  • Sono stati inoltre eseguiti ECG ed esami di RM in caso di aumento dei livelli di troponina di almeno 3 volte, modifiche dell’ECG e insorgenza di sintomi cardiovascolari.
  • La miocardite è stata diagnosticata in base ai criteri di Dallas, che richiedono 2 componenti chiave: infiltrato infiammatorio e necrosi miocardica.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Sono stati diagnosticati 3 casi (2 accertati e 1 possibile) di miocardite durante un periodo di follow-up di 6 mesi.
  • Tutti i casi erano lievi e senza eventi cardiaci avversi maggiori.
  • L’esordo della miocardite è avvenuto in media dopo 144 ± 3 giorni.
  • La sopravvivenza libera da malattia (disease-free survival, DFS) mediana è risultata di 169 giorni (IC 95%, 102–233 giorni) e la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) di 209 giorni (IC 95%, 147–249 giorni).

Limite

  • Campione di piccole dimensioni, studio monocentrico.
  • Mancanza di gruppo di controllo.