Tumore pancreatico: chemioterapia neoadiuvante con o senza radioterapia

  • Oba A & al.
  • Br J Surg

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’aggiunta di radioterapia (RT) alla chemioterapia neoadiuvante (neoadjuvant chemotherapy, NAC) non migliora la sopravvivenza dei pazienti affetti da adenocarcinoma duttale del pancreas (pancreatic ductal adenocarcinoma, PDAC).

Perché è importante

  • C’è ancora incertezza sull’effettiva efficacia della RT neoadiuvante nel PDAC.
  • La mortalità significativamente più elevata osservata con la chemioradioterapia neoadiuvante (neoadjuvant chemoradiotherapy, NACRT) giustifica ulteriori indagini.

Disegno dello studio

  • Studio retrospettivo di pazienti affetti da PDAC trattati con NAC e pancreatectomia dal 2010 al 2016.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Su 6.936 partecipanti, 3.185 hanno ricevuto NACRT e 3.751 hanno ricevuto NAC.
  • I pazienti sottoposti a NACRT hanno ricevuto chemioterapia adiuvante meno spesso rispetto a quelli sottoposti a NAC (26,7% vs. 42,8%; P<0,001).
  • Il gruppo trattato con NACRT ha evidenziato una maggiore probabilità di ricevere chemioterapia con agente singolo rispetto a chemioterapia multiagente rispetto a quello trattato con NAC (31,5% vs. 10,7%; P<0,001).
  • Non è stata osservata alcuna differenza nella sopravvivenza complessiva tra gruppi trattati con NACRT e NAC: 16,1 mesi rispetto a 17,4 mesi (P=0,054).
  • Il tasso di margini chirurgici negativi è risultato maggiore nel gruppo trattato con NACRT rispetto al gruppo trattato con NAC (86,1% vs. 80,0%; P<0,001).
  • La NACRT è risultata associata a una peggiore mortalità a 90 giorni rispetto alla NAC (6,4% vs. 3,6%; P<0,001).
  • La RT nel contesto neoadiuvante ha quasi raddoppiato la mortalità a 90 giorni (OR=1,81; IC 95%, 1,37–2,39; P<0,001).

Limiti

  • Disegno retrospettivo.
  • Mancanza di informazioni sul tipo di RT o di chemioterapia e sulla causa del decesso.