Tumore ovarico: una metanalisi confronta citoriduzione primaria rispetto a NACT

  • Bartels HC & al.
  • Gynecol Oncol
  • 23/07/2019

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nelle pazienti con tumore ovarico in stadio avanzato la chemioterapia neoadiuvante seguita da chirurgia citoriduttiva di intervallo (neoadjuvant chemotherapy + interval cytoreductive surgery, NACT + ICS) è associata a morbilità e mortalità inferiori e a tassi maggiori di citoriduzione completa rispetto alla chirurgia citoriduttiva primaria (primary cytoreductive surgery, PCS), ma a nessun vantaggio in termini di sopravvivenza.

Perché è importante

  • La PCS rimane lo standard di cura in questo quadro.
  • NACT + ICS possono rappresentare un’alternativa accettabile per pazienti selezionate che presentano comorbilità, alta fragilità e carico tumorale maggiore.

Disegno dello studio

  • Metanalisi di 17 studi comprendenti 3.759 pazienti con tumore ovarico in stadio avanzato sottoposte a PCS o NACT + ICS.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • I seguenti parametri erano significativamente inferiori nel gruppo sottoposto a NACT + ICS rispetto al gruppo sottoposto a PCS:
    • durata dell’intervento operatorio (differenza media [DM]: -35 minuti; P=0,01);
    • perdita di sangue intraoperatoria (DM: -382 ml; P
    • durata media del ricovero ospedaliero (DM: -5,0 giorni; P=0,002).
  • NACT + ICS erano associate a tassi significativamente maggiori di:
    • citoriduzione ottimale (71,3% vs. 59,8%; OR: 1,9; P=0,001);
    • citoriduzione completa (44,4% vs. 28,3%; OR: 2,2; P=0,0001).
  • Non è stata osservata alcuna differenza nella sopravvivenza complessiva (overall survival, OS; OR: 1,0; P=0,76).
  • Le pazienti nel gruppo sottoposto a PCS hanno evidenziato tassi significativamente maggiori di:
    • morbilità di grado Clavien-Dindo ≥3 (21,2% vs 8,8%; P
    • mortalità a 30 giorni (OR: 6,1; P=0,0008);
    • resezione intestinale (23,5% vs. 8,8%; OR: 3,2; P

Limiti

  • Eterogeneità tra gli studi.
  • Mancanza di dati concernenti la qualità della vita.