Tumore ovarico recidivante: la terapia aggiuntiva con pazopanib migliora risposta e sopravvivenza

  • Duska LR & et al.
  • Gynecol Oncol
  • 30/03/2020

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’aggiunta di pazopanib alla gemcitabina in pazienti con tumore ovarico epiteliale recidivante migliora la risposta e la sopravvivenza.

Perché è importante

  • Le pazienti con malattia platino-resistente possono ottenere un beneficio in termini di sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) con l’aggiunta di pazopanib.
  • È giustificata la valutazione di fase 3.

Disegno dello studio

  • Studio di fase 2: 148 pazienti (età mediana di 63 anni) con tumore ovarico epiteliale, delle tube di Falloppio o carcinoma peritoneale primitivo persistente o recidivante sono state assegnate casualmente a gemcitabina con o senza pazopanib.
  • Endpoint primario: PFS.
  • Finanziamento: GlaxoSmithKline/Novartis.

Risultati principali

  • Il 60% delle pazienti presentava malattia platino-resistente.
  • Il follow-up mediano era di 13 mesi.
  • L’aggiunta di pazopanib ha migliorato significativamente la PFS mediana (5,3 mesi [IC 95%, 4,2-5,8 mesi] vs. 2,9 mesi [IC 95%, 2,1-4,1 mesi]) rispetto alla gemcitabina in monoterapia.
  • Il beneficio in termini di PFS è stato osservato nel gruppo con malattia platino-resistente (5,32 vs. 2,33 mesi; P di Tarone-Ware
  • Non è stata osservata alcuna differenza nella sopravvivenza complessiva (overall survival, OS).
  • La combinazione pazopanib + gemcitabina ha migliorato significativamente il tasso di risposta complessiva (20% vs. 11%; P chi quadrato =0,023) e il tasso di controllo della malattia (80% vs. 60%; P chi-quadrato
  • Il tasso di eventi avversi di grado ≥3 era maggiore con pazopanib + gemcitabina.
  • Le tossicità più comuni erano anemia, neutropenia, trombocitopenia, aumento dell’AST, stanchezza e ipertensione.
  • Il gruppo trattato con pazopanib ha evidenziato un tasso maggiore di interruzione della terapia (40% vs. 14%).

Limiti

  • Studio in aperto.