Tumore ovarico in stadio avanzato: il trattamento conservativo consente gravidanze spontanee, ma con un alto tasso di recidiva

  • Gouy S & al.
  • Ann Surg Oncol
  • 02/11/2020

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nelle pazienti affette da tumore ovarico sieroso borderline in stadio avanzato sono possibili gravidanze spontanee con il trattamento conservativo, ma il tasso di recidiva è alto.

Perché è importante

  • Quando si valuta un trattamento conservativo, la paziente deve essere informata dell’alto rischio di recidiva.

Disegno dello studio

  • 212 pazienti con tumore ovarico sieroso borderline in stadio II/III e impianti peritoneali trattate tra il 1971 e il 2017.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • La durata mediana del follow-up era di 6,11 anni per 65 pazienti sottoposte a trattamento conservativo rispetto a 8,65 anni nelle pazienti sottoposte a trattamento radicale.
  • 65 pazienti sono state sottoposte a trattamento conservativo; 8 pazienti presentavano impianti invasivi.
  • Il 58% delle pazienti sottoposte a trattamento conservativo ha sviluppato recidiva.
    • In 28 pazienti la recidiva si presentava come malattia non invasiva (tumore borderline sull’ovaio risparmiato e/o impianti non invasivi).
    • 8 pazienti hanno subito recidiva sotto forma di malattia invasiva.
  • La chirurgia radicale ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da malattia (disease-free survival, DFS) rispetto al trattamento conservativo: HR=0,18 (P
  • Sono stati riportati 3 decessi.
  • Sono state osservate 24 gravidanze (13 spontanee) in 20 pazienti (29 pazienti desideravano una gravidanza).

Limiti

  • Disegno retrospettivo.