Tumore mammario metastatico: docetaxel in regime settimanale riduce il rischio di neutropenia di grado 3/4

  • van Eijk M & al.
  • BMC Cancer

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Secondo una metanalisi, docetaxel somministrato una volta alla settimana (rispetto a una dose più elevata ogni 3 settimane) possiede un’efficacia simile e riduce il rischio di neutropenia di grado 3/4, neutropenia febbrile e neuropatia.
  • Tuttavia, il rischio di tossicità che porta a sospensione del trattamento per eventi di grado ≥2 aumenta con la dose settimanale.

Perché è importante

  • Valutare docetaxel in regime settimanale nelle pazienti a rischio di neutropenia, comprese quelle anziane e quelle con un numero elevato di pregressi trattamenti chemioterapici o con bassi livelli basali di neutrofili.

Disegno dello studio

  • Metanalisi di 4 sperimentazioni randomizzate e controllate (n=459) identificate mediante una ricerca su Medline, Embase e Scopus.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Nessuna differenza tra gruppi in termini di:
    • tasso di risposta obiettiva (rapporto di rischio [RR]=0,75; IC 95%, 0,54–1,05);
    • sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS; RR=0,95; IC 95%, 0,71–1,26);
    • sopravvivenza complessiva (overall survival, OS; RR=0,95; IC 95%, 0,70–1,29).
  • Docetaxel in regime settimanale (vs. ogni 3 settimane) è risultato associato a un rischio inferiore dei seguenti eventi avversi di grado 3/4:
    • neutropenia (RR=0,16; IC 95%, 0,10–0,27);
    • neutropenia febbrile (RR=0,21; IC 95%, 0,08–0,55);
    • neuropatia (RR=0,29; IC 95%, 0,11–0,78).
  • Docetaxel in regime settimanale (vs. ogni 3 settimane) è risultato associato a un rischio maggiore di:
    • epifora (grado ≥3 o causa di sospensione del trattamento; RR=3,62; IC 95%, 1,07–12,22);
    • onicolisi (grado ≥2 o causa di sospensione del trattamento; RR=3,90; IC 95%, 1,34–11,32);
    • rischio complessivo al limite della significatività di interruzione del trattamento (RR=1,52; P=0,05).

Limiti

  • Piccolo numero di sperimentazioni.