Tumore mammario: livelli di ansia più alti sono legati a un aumento del rischio di neuropatia periferica indotta dalla chemioterapia

  • Hinnen C & al.
  • Res Sq

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Lo studio descritto in questa sintesi è stato pubblicato come prestampa sul sito researchsquare.com.

Conclusioni

  • Livelli di ansia da medi ad alti, ma non i sintomi depressivi, possono aumentare il rischio di neuropatia periferica indotta dalla chemioterapia (chemotherapy-induced peripheral neuropathy, CIPN) nelle pazienti affette da tumore mammario.

Perché è importante

  • La CIPN si osserva comunemente nelle pazienti che ricevono chemioterapia a base di tassani e influisce negativamente sul trattamento, sul funzionamento quotidiano e sulla qualità della vita (quality of life, QoL).

Disegno dello studio

  • In uno studio prospettico olandese, 61 donne trattate con chemioterapia neoadiuvante a base di tassani hanno compilato questionari su ansia e sintomi depressivi prima, durante e dopo il trattamento.
  • La gravità della neuropatia periferica è stata caratterizzata mediante i punteggi del questionario CIPN20.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Al basale il 23% delle donne ha riferito livelli medi/alti di ansia e il 51% ha riferito livelli medi/alti di sintomi depressivi.
  • La differenza media nei punteggi della CIPN tra le donne che avevano un punteggio per l’ansia al basale basso e quelle con un punteggio medio/alto è risultata di 3,52 punti.
  • Le pazienti con ansia media/alta al basale hanno evidenziato punteggi della CIPN significativamente più alti al basale, nonché durante e dopo la chemioterapia.
  • Le donne che lamentavano meno ansia al basale hanno evidenziato punteggi della CIPN inferiori e l’aumento dei sintomi della CIPN durante la chemioterapia è risultato inferiore in questo gruppo.
  • Non è stata osservata alcuna associazione tra sintomi depressivi al basale e rischio di CIPN.

Limiti

  • Follow-up breve.
  • Campione di piccole dimensioni.
  • Non sono stati considerati gli effetti di fattori psicologici o biologici.