Tumore mammario: la ricostruzione mammaria immediata dopo la NACT non è collegata a esiti avversi nelle donne giovani

  • Wu ZY & al.
  • Breast Cancer Res Treat

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Le donne giovani (≤40 anni) affette da tumore mammario sottoposte a ricostruzione mammaria immediata (immediated breast reconstruction, IBR) dopo la mastectomia con risparmio del capezzolo (nipple-sparing mastectomy, NSM)/mastectomia con risparmio cutaneo (skin-sparing mastectomy, SSM) non ottengono esiti peggiori rispetto a quelle sottoposte solo a mastectomia convenzionale (conventional mastectomy, CM). 
  • Entrambi i gruppi sono stati trattati precedentemente con chemioterapia neoadiuvante (neoadjuvant chemotherapy, NACT).

Perché è importante

  • Si tratta del primo studio di questo tipo in donne affette da tumore mammario.
  • L’IBR può migliorare la qualità della vita (quality of life, QoL) delle pazienti rispetto alla CM.

Disegno dello studio

  • L’IBR (con NSM/SSM) è stata confrontata con la CM in 228 pazienti giovani dopo appaiamento in base all’indice di propensione,
  • incentrato su stadio clinico T e N, sottotipo molecolare, risposta alla NACT e stato per la radioterapia adiuvante.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Nessuna differenza tra gruppi in termini di:
    • tassi di recidiva locoregionale (14% nel gruppo sottoposto a IBR rispetto a 15,8% del gruppo sottoposto a CM; P=0,710);
    • sopravvivenza libera da malattia (disease-free suvival, DFS) a 5 anni (rispettivamente 67% vs. 58,5%; P=0,091);
  • il gruppo sottoposto a IBR è risultato migliore rispetto al gruppo sottoposto a CM in termini di:
    • tasso di metastasi a distanza inferiore (27,2% vs. 40,4%; P=0,036);
    • mortalità per tumore mammario inferiore (14,9% vs. 27,2%; P=0,023);
    • sopravvivenza libera da metastasi a distanza a 5 anni migliore (74,1% vs. 62,6%; P=0,043);
    • sopravvivenza specifica per il tumore mammario a 5 anni migliore (89,1% vs. 77,6%; P=0,048).

Limiti

  • Disegno retrospettivo osservazionale.
  • Studio monocentrico.