Tumore mammario in stadio avanzato: le riduzioni della dose di palbociclib non influiscono sulla sopravvivenza in una coorte nel mondo reale

  • Ismail RK & al.
  • Breast

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • In una coorte olandese nel mondo reale, sono state necessarie riduzioni della dose di palbociclib per il 33% delle pazienti, ma le dosi ridotte non hanno influenzato la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS), anche delle pazienti più anziane.

Perché è importante

  • Generalmente le riduzioni della dose vengono effettuate per diminuire la tossicità del farmaco.
  • Le pazienti per le quali sono necessarie riduzioni della dose dovrebbero essere rassicurate dal fatto che generalmente tali riduzioni non influiscono sulla OS.

Disegno dello studio

  • Coorte retrospettiva (n=598) di pazienti affette da tumore mammario in stadio avanzato trattate con palbociclib nell’ambito del programma dell’Istituto olandese di audit clinico (Dutch Institute for Clinical Auditing; periodo 2017–2020).
  • Finanziamento: assicurazione sanitaria olandese VGZ.

Risultati principali

  • Nella coorte, il 33% delle pazienti ha avuto riduzioni della dose di palbociclib e il 23% ha interrotto la terapia prematuramente.
  • Le pazienti per le quali è stato necessario ridurre la dose erano tendenzialmente più anziane (età mediana di 67 anni in caso di riduzioni della dose rispetto a 63 anni senza riduzioni della dose; P=0,004).
  • Le pazienti con riduzioni della dose hanno evidenziato un tempo maggiore al trattamento successivo (time-to-next treatment, TTNT; 16,9 vs. 11,4 mesi; P<0,001).
  • Le pazienti con riduzioni della dose hanno evidenziato una OS mediana maggiore (29,7 vs. 21,9 mesi nelle pazienti senza riduzioni della dose; P=0,003).
  • Le pazienti più anziane (≥70 anni) hanno evidenziato una probabilità maggiore di avere una riduzione della dose rispetto alle pazienti più giovani (<70 anni; 39% vs. 30%; P=0,041).
  • Nel sottogruppo di pazienti più anziane il TTNT è risultato maggiore (16,9 vs. 11,6 mesi; P=0,013), ma la OS simile (20,7 vs. 26,7 mesi; P=0,051).

Limiti

  • Disegno osservazionale retrospettivo.
  • Mancanza di informazioni su come è stata selezionata la coorte.