Tumore mammario in stadio avanzato ER+/HER2-: elacestrant per via orale prolunga la PFS nella sperimentazione EMERALD

  • Bidard FC & al.
  • J Clin Oncol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La sperimentazione di fase 3 EMERALD indica che elacestrant (un degradatore selettivo del recettore degli estrogeni per via orale) prolunga la sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) rispetto alla terapia endocrina standard della popolazione complessiva di pazienti pretrattate affette da tumore mammario in stadio avanzato positivo per il recettore degli estrogeni (estrogen receptor, ER), HER2-negativo e del sottogruppo di pazienti con mutazioni di ESR1.

Perché è importante

  • Il tumore mammario ER+/HER2- in stadio avanzato pretrattato presenta una prognosi infausta.
  • Elacestrant è il primo degradatore selettivo dell’ER orale a ottenere una PFS migliore rispetto alla terapia endocrina standard.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 3, randomizzata, in aperto di confronto tra elacestrant (400 mg una volta al giorno per 239 pazienti) e la monoterapia endocrina (trattamento standard di cura a scelta dello sperimentatore tra fulvestrant, anastrozolo, letrozolo o exemestane in monoterapia, alla dose indicata in etichetta per 238 pazienti).
  • Le pazienti erano state sottoposte a 1–2 linee di terapia endocrina precedenti e avevano avuto bisogno di pretrattamento con un inibitore delle chinasi ciclina-dipendenti 4/6 e ≤1 chemioterapia.
  • Esito primario: PFS.
  • Finanziamento: Radius Health, Inc.

Risultati principali

  • Il gruppo trattato con elacestrant ha ottenuto una PFS più lunga del 30% (HR=0,70; P=0,002) rispetto al gruppo assegnato alla terapia endocrina standard.
  • Nel sottogruppo (47,8% delle pazienti complessive) con mutazioni di ESR1, il gruppo trattato con elacestrant ha ottenuto una PFS più lunga del 45% (HR=0,55; P=0,0005) rispetto al gruppo assegnato alla terapia endocrina standard.
  • L’evento avverso più comune, la nausea (di qualsiasi grado), è stato osservato nel 35,0% del gruppo trattato con elacestrant e nel 18,8% del gruppo assegnato alla terapia endocrina standard.

Limite

  • Disegno in aperto.