Tumore mammario HER2+: quali terapie mirate offrono il miglior equilibrio tra efficacia e sicurezza?

  • Gunasekara ADM & al.
  • Cancers

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Una metanalisi a rete identifica le 3 terapie mirate principali che offrono il miglior equilibrio tra efficacia e sicurezza per il carcinoma mammario HER2+ in fase precoce o localmente avanzata:
    • trastuzumab emtansine + pertuzumab + chemioterapia;
    • trastuzumab emtansine in monoterapia;
    • pertuzumab + trastuzumab + chemioterapia seguiti da trastuzumab emtansine + pertuzumab.

Perché è importante

  • Esiste una serie incredibile di combinazioni della terapia mirata per il carcinoma mammario HER2+ in fase precoce o localmente avanzata.
  • Questo studio rappresenta la prima metanalisi a rete di questo tipo per identificare i regimi ottimali.

Disegno dello studio

  • Metanalisi a rete di 21 sperimentazioni cliniche randomizzate che hanno coperto 11 regimi.
  • Lo studio ha classificato ciascun regime in base alla superficie sottesa alla curva di classificazione cumulativa (surface under the cumulative ranking curve, SUCRA) dell’efficacia e della sicurezza, con i percentili più alti che indicano gli esiti più favorevoli.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Pertuzumab + trastuzumab + chemioterapia hanno ottenuto una sopravvivenza libera da malattia (disease-free survival, DFS) maggiore del 46% rispetto a trastuzumab + chemioterapia (RR: 0,54; IC al 95%: 0,32–0,91).
  • Punteggi SUCRA più alti per efficacia (risposta patologica completa [pathological complete response, pCR] elevata):
    • trastuzumab emtansine + lapatinib + chemioterapia (91,9%);
    • pertuzumab + trastuzumab + chemioterapia seguiti da trastuzumab emtansine + pertuzumab (90,5%);
    • pertuzumab + trastuzumab + chemioterapia (74,8%);
    • trastuzumab emtansine + pertuzumab + chemioterapia (73,5%).
  • Punteggi SUCRA più alti per sicurezza (pochi eventi avversi [adverse events, EA] gravi):
    • pertuzumab + trastuzumab (99,2%);
    • trastuzumab emtansine + pertuzumab (88%);
    • trastuzumab emtansine (83,9%).
  • I regimi principali che offrono un equilibrio ottimale tra efficacia (pCR) e sicurezza (EA gravi):
    • trastuzumab emtansine + pertuzumab + chemioterapia (73,5% per efficacia rispetto a 71,6% per sicurezza);
    • trastuzumab emtansine (rispettivamente 70,5% rispetto a 83,9%);
    • pertuzumab + trastuzumab + chemioterapia seguiti da trastuzumab emtansine + pertuzumab (rispettivamente 90,5% rispetto a 47,3%).

Limite

  • Eterogeneità tra gli studi.