Tumore mammario HER2+: la pCR è predittiva della sopravvivenza a lungo termine

  • EBCC 2020

  • Pavankumar Kamat
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Una risposta patologica completa (pathologic complete response, pCR) alla terapia mirata nel tumore mammario HER2-positivo è indicativa di esiti favorevoli a lungo termine. 

Perché è importante

  • I risultati confermano ulteriormente la pratica attuale di stratificazione del rischio in base alla pCR, nonché le decisioni terapeutiche riguardanti trastuzumab emtansine. 

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 3 NeoALTTO/BIG 1-06: 455 donne con tumori mammari HER2-positivi sono state assegnate casualmente a terapia neoadiuvante con trastuzumab, lapatinib o la combinazione lapatinib-trastuzumab, ciascuna opzione assieme a paclitaxel, seguiti da ulteriore chemioterapia e ulteriore medesima terapia mirata dopo il trattamento chirurgico.
  • Finanziamento: Novartis. 

Risultati principali

  • Tassi di sopravvivenza libera da eventi (event-free survival, EFS) a 9 anni: 69% con lapatinib-trastuzumab, 63% con lapatinib in monoterapia e 65% con trastuzumab in monoterapia.
  • Tassi di sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) a 9 anni: 80% con lapatinib-trastuzumab, 77% con lapatinib in monoterapia e 76% con trastuzumab in monoterapia.
  • EFS e OS differivano in modo significativo tra le donne che hanno ottenuto pCR e quelle che non la hanno ottenuta.
  • Il tasso di pCR era del 51,3% con lapatinib-trastuzumab, 24,7% con lapatinib in monoterapia e 29,5% con trastuzumab in monoterapia.
  • Rispetto alle pazienti che non hanno ottenuto pCR, quelle che la hanno ottenuta hanno evidenziato una EFS a 9 anni migliore: 
    • 77% rispetto a 61%;
    • HR corretto, 0,48 (P=0,0008). 
  • È stata osservata una tendenza simile per l’OS a 9 anni:
    • 88% in caso di pCR rispetto a 72% senza;
    • HR corretto, 0,37 (P=0,0004).
  • A partire da 6 anni in poi non sono stati registrati ulteriori eventi avversi fatali o eventi avversi gravi non fatali e non sono stati registrati ulteriori endpoint cardiaci primari.