Tumore mammario: gli ormoni riproduttivi circolanti prima del trattamento sono predittivi della risposta al trattamento

  • Lan A & al.
  • Int J Clin Oncol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Alcuni ormoni riproduttivi circolanti prima del trattamento sono predittivi degli esiti istopatologici e di sopravvivenza delle pazienti affette da tumore mammario trattate con chemioterapia neoadiuvante (neoadjuvant chemotherapy, NAC), a seconda del particolare stato ormonale e menopausale.

Perché è importante

  • Si tratta del primo studio di questo tipo; suggerisce che la terapia endocrina preoperatoria può essere utile se combinata con la NAC.

Disegno dello studio

  • Studio di coorte retrospettivo (n=333) di pazienti in pre- e post-menopausa affette da tumore mammario trattate con NAC (periodo 2012–2019) presso un singolo centro in Cina.
  • Esiti primari: tasso di risposta patologica completa (pathologic complete response, pCR) e sopravvivenza complessiva (overall survival, OS).
  • Finanziamento: National Natural Science Foundation of China.

Risultati principali

  • Le pazienti in pre-menopausa con livelli più bassi di testosterone hanno evidenziato una maggiore probabilità di ottenere pCR rispetto a quelle con livelli più elevati (OR=0,996; P=0,026).
  • Le pazienti in post-menopausa con livelli più elevati di ormone follicolo-stimolante hanno evidenziato una maggiore probabilità di ottenere pCR rispetto a quelle con livelli più bassi (OR=1,045; P=0,005).
  • Nelle pazienti in pre-menopausa, il terzile inferiore dei livelli di progesterone (T1) è risultato associato a una OS peggiore (T2 [il terzile medio] vs. T1: HR=0,113 [P=0,045]; T3 [il terzile superiore] vs. T1: HR=0,109 [P=0,041]).
    • Le pazienti in pre-menopausa nel terzile inferiore di progesterone hanno ottenuto una OS a 3 anni peggiore rispetto a quelle nei terzili più alti (72,9% vs. 97,4%; ranghi logaritmici, P=0,007).

Limiti

  • I risultati potrebbero riguardare unicamente pazienti asiatiche.
  • Singola valutazione dei livelli ormonali.
  • Studio monocentrico.
  • Disegno retrospettivo osservazionale.