Tumore mammario: efficacia comparabile e migliore sicurezza con una durata inferiore della terapia con trastuzumab

  • Gulia S & al.
  • JAMA Netw Open
  • 03/08/2020

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Secondo una metanalisi, nelle pazienti con tumore mammario allo stadio iniziale una durata più breve della terapia con trastuzumab è non inferiore rispetto a trastuzumab per 1 anno (lo standard di cura) in termini di sopravvivenza libera da malattia (disease-free survival, DFS).
  • Le terapie di durata più breve risultano più sicure del 47% in termini di cardiotossicità.

Perché è importante

  • Considerato che l’efficacia è simile, i risultati suggeriscono che nelle pazienti con predisposizione alla cardiotossicità è preferibile una terapia con trastuzumab di durata inferiore.

Disegno dello studio

  • Metanalisi di sperimentazioni randomizzate e controllate utilizzando i dati delle singole partecipanti (5 sperimentazioni con 11.376 partecipanti) e i dati a livello di sperimentazione (6 sperimentazioni con 11.603 partecipanti, pubblicate nel 2005-2019).
  • L’esito primario era la DFS.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Usando i dati delle singole partecipanti, DFS a 5 anni (IC 95%):
    • 85,42% (84,41%-86,38%) con terapia di durata più breve rispetto a
    • 87,12% (86,15%-88,02%) con trastuzumab per 1 anno;
      • HR, 1,14 (1,03-1,25);
      • P unilateraleper la non inferiorità=0,004. 
  • I risultati per la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) erano simili.
  • Usando i dati a livello di sperimentazione, l’HR per la DFS a 5 anni era 1,15 (IC 95%, 1,04-1,26; P unilateraleper la non inferiorità=0,002). 
    • I risultati per la OS erano simili.
  • Le terapie con trastuzumab di durata inferiore, rispetto a quella di 1 anno, hanno evidenziato un rischio inferiore di insufficienza cardiaca congestizia (rischio relativo, 0,53; IC 95%, 0,38–0,74).

Limiti

  • L’eterogeneità tra le sperimentazioni includeva margini di non inferiorità variabili, durata variabile della terapia con trastuzumab nel gruppo sperimentale, regimi chemioterapici diversi.