Tumore mammario allo stadio iniziale: l’invasione linfovascolare è predittiva di una prognosi peggiore dopo la chirurgia conservativa della mammella

  • Zhong YM & al.
  • BMC Cancer

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Secondo un’ampia metanalisi, l’invasione linfovascolare (lymphovascular invasion, LVI) dopo la chirurgia conservativa della mammella (breast-conserving surgery, BCS) per tumore mammario allo stadio iniziale è associata a una prognosi peggiore rispetto all’assenza di LVI dopo la BCS.
  • L’entità della maggior parte dei rischi, incluse sopravvivenza libera da malattia (disease-free survival, DFS), recidiva locoregionale (locoregional recurrence, LRR) e metastasi a distanza (distant metastasis, DM), raddoppia.

Perché è importante

  • Nelle pazienti che presentano LVI si devono valutare la mastectomia e/o terapie sistemiche radicali.

Disegno dello studio

  • Metanalisi di 15 studi che hanno coinvolto 21.704 pazienti, identificati mediante una ricerca nei database Cochrane Library, PubMed, Web of Science ed Embase.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • La LVI dopo la BCS ha incrementato il rischio di tutti gli esiti esaminati:
    • OS, HR=1,51; IC 95% 1,18–1,93;
    • DFS, HR=2,19; IC 95% 1,68–2,86;
    • LRR, HR=2,27; IC 95% 1,82–2,83;
    • sopravvivenza specifica per il tumore mammario, HR=2,12; IC 95% 1,63–2,76;
    • DM, HR=2,08; IC 95% 1,66–2,60;
    • recidiva locale, HR=2,00; IC 95% 1,54–2,61.

Limiti

  • Alta eterogeneità per vari esiti.
  • La maggior parte degli studi era di tipo retrospettivo (n=12) e solo 3 erano prospettici.
  • Tutti gli studi erano osservazionali.