Tumore mammario allo stadio iniziale: la gestione da remoto della tossicità da chemioterapia non riduce il numero di visite al pronto soccorso o di ricoveri ospedalieri

  • Krzyzanowska MK & al.
  • BMJ

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Una sperimentazione randomizzata indica che la gestione telefonica proattiva, da remoto, effettuata da infermieri, della tossicità correlata alla chemioterapia di pazienti affette da tumore mammario allo stadio iniziale ambulatoriali non riduce il numero di visite in pronto soccorso (PS) o di ricoveri in ospedale.

Perché è importante

  • Un esempio di assistenza da remoto nell’era COVID-19 non ha raggiunto il proprio obiettivo, ridurre il numero di visite per le cure.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione randomizzata, a grappolo, pragmatica condotta presso 20 centri oncologici in Ontario, Canada.
  • Pazienti non ricoverate trattate con chemioterapia sono state assegnate casualmente al gruppo di intervento (n=944; gestione telefonica da parte di infermieri di 9 tossicità comuni in 2 momenti durante ciascun ciclo di chemioterapia) o al gruppo di controllo (n=1.214; educazione della paziente al basale e raccomandazione di chiamare il centro oncologico in caso di sintomi e timori).
  • Esito primario: numero medio di visite in PS o di ricoveri ospedalieri per paziente.
  • Finanziamento: Ontario Institute for Cancer Research; Ontario Ministry of Health and Long-Term Care.

Risultati principali

  • Nessuna differenza tra gruppi nel numero medio di visite in PS o di ricoveri per paziente (0,91 nel gruppo di intervento rispetto a 0,94 nel gruppo di controllo; P=0,94).
  • Il 47% di tutte le pazienti ambulatoriali (n=2.158) ha avuto ≥1 visita in PS o ricovero.
  • Il 48% delle pazienti nel gruppo di intervento e il 58% di quelle nel gruppo di controllo hanno riferito ≥1 tossicità di grado 3 mediante un questionario riferito dalla paziente somministrato a 580 partecipanti.
  • Il questionario non ha rivelato alcuna differenza tra gruppi in termini di autoefficacia, ansia o depressione.

Limiti

  • Randomizzazione vincolata dalle covariate.