Tumore endometriale recidivante: everolimus più letrozolo evidenziano risposta

  • Slomovitz BM & al.
  • Gynecol Oncol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Everolimus più letrozolo evidenziano una risposta clinicamente significativa nelle pazienti affette da tumore endometriale recidivante in stadio avanzato.

Perché è importante

  • Le pazienti con malattia recidivante in stadio avanzato hanno a disposizione opzioni terapeutiche limitate.

Disegno dello studio

  • Una sperimentazione di fase 2, randomizzata di pazienti affette da tumore endometriale recidivante in stadio avanzato assegnate casualmente a everolimus e letrozolo o a terapia ormonale (medrossiprogesterone acetato e tamoxifene).
  • Finanziamento: GOG Foundation, Inc.; Novartis.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano è stato di 37 mesi.
  • Il tasso di risposta obiettiva è risultato del 22% con everolimus più letrozolo rispetto al 25% con la terapia ormonale.
    • Il tasso di beneficio clinico è risultato rispettivamente del 78% e del 69%.
  • Nel gruppo trattato con everolimus più letrozolo, rispetto al gruppo in terapia ormonale:
    • la sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana è risultata rispettivamente di 6 mesi (IC 95%, 4–18 mesi) e di 4 mesi (IC 95%, 3–6 mesi);
    • il tasso di eventi avversi di grado ≥3 è risultato del 78% rispetto al 58%;
    • gli eventi avversi di grado ≥3 più comuni sono stati anemia, mucosite e iperglicemia rispetto a ipertensione ed eventi tromboembolici;
    • il tasso di eventi tromboembolici di grado 3/4 è stato dello 0% rispetto all’11%.

Limiti

  • Studio di piccole dimensioni.