Tumore endometriale: lenvatinib più pembrolizumab prolungano la sopravvivenza delle pazienti già trattate

  • Makker V & al.
  • N Engl J Med

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Lenvatinib più pembrolizumab ottengono una sopravvivenza significativamente più lunga rispetto alla chemioterapia nelle pazienti affette da tumore endometriale in stadio avanzato che subiscono progressione della malattia dopo il ricevimento di precedente terapia sistemica a base di platino, comprese quelle senza difetti della riparazione del mismatch (mismatch repair-proficient, pMMR).

Perché è importante

  • La combinazione potrebbe diventare la nuova terapia standard delle pazienti affette da tumore endometriale in stadio avanzato che subiscono progressione durante la chemioterapia.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 3, randomizzata 309/KEYNOTE 775 di 827 pazienti affette da tumore endometriale in stadio avanzato, trattate precedentemente con la chemioterapia a base di platino scelta dal medico, assegnate casualmente a ricevere lenvatinib + pembrolizumab o chemioterapia.
  • Finanziamento: Eisai; Merck Sharp and Dohme.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano è stato di 12,2 mesi nel gruppo assegnato a lenvatinib-pembrolizumab e di 10,7 mesi nel gruppo assegnato a chemioterapia.
  • La sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana è risultata significativamente maggiore con lenvatinib-pembrolizumab rispetto alla chemioterapia:
    • popolazione pMMR, 6,6 rispetto a 3,8 mesi (HR=0,60; P<0,001);
    • complessivamente, 7,2 rispetto a 3,8 mesi (HR=0,56; P<0,001).
  • La sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana è risultata maggiore con lenvatinib-pembrolizumab rispetto alla chemioterapia:
    • popolazione pMMR, 17,4 rispetto a 12,0 mesi (HR=0,68; P<0,001);
    • complessivamente, 18,3 rispetto a 11,4 mesi (HR=0,62; P<0,001).
  • Il tasso di eventi avversi di grado ≥3 è risultato dell’88,9% nel gruppo trattato con lenvatinib-pembrolizumab e del 72,7% nel gruppo in chemioterapia.

Limiti

  • Studio in aperto, follow-up breve.