Tumore endometriale allo stadio iniziale: la chirurgia mininvasiva robot-assistita ottiene esiti peggiori

  • Argenta PA & al.
  • Gynecol Oncol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La chirurgia mininvasiva  robot-assistita (robot-assisted minimally invasive surgery, RA-MIS) è associata a peggiore sopravvivenza libera da recidiva, sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) e sopravvivenza malattia-specifica delle pazienti affette da tumore endometriale in stadio I rispetto alla laparoscopia.
  • L’uso di RA-MIS è in costante aumento.

Perché è importante

  • I dati di confronto degli esiti a lungo termine di RA-MIS e laparoscopia nel tumore endometriale in stadio I sono limitati.

Disegno dello studio

  • Studio di 1.027 pazienti affette da tumore endometriale sottoposte a chirurgia laparoscopica o RA-MIS tra il 2006 e il 2016.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Il 44,9% delle pazienti è stato sottoposto a laparoscopia e il 55,1% a RA-MIS.
  • Il follow-up mediano è stato di 8,7 anni nel gruppo sottoposto a laparoscopia e di 6,3 anni nel gruppo sottoposto a RA-MIS (P<0,001). 
  • L’uso di RA-MIS è aumentato costantemente durante il periodo dello studio.
  • La RA-MIS è risultata associata a una peggiore sopravvivenza libera da recidiva (HR=1,41; P=0,004) e OS (HR=1,39; P=0,02) rispetto alla laparoscopia.
  • La sopravvivenza malattia-specifica è risultata peggiore nel gruppo sottoposto a RA-MIS (HR=3,51; IC 95%, 2,19–5,63).

Limiti

  • Studio retrospettivo.