Tumore dello stomaco localmente avanzato: la chirurgia mininvasiva è collegata a esiti migliori

  • Khorfan R & al.
  • J Gastrointest Surg
  • 20/11/2019

  • Jim Kling
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’approccio chirurgico mininvasivo (minimally invasive surgery, MIS) è associato a una sopravvivenza migliore nel tumore dello stomaco, possibilmente grazie all’uso più frequente di chemioterapia adiuvante.

Perché è importante

  • Sebbene la chemioterapia abbia dimostrato di prolungare la sopravvivenza nel tumore dello stomaco, il suo uso post-chirurgico rimane basso.
  • Il MIS è associato a meno complicanze postoperatorie, fattore che potrebbe aumentare l’uso della chemioterapia adiuvante.

Disegno dello studio

  • Analisi retrospettiva di dati chirurgici del National Cancer Database (periodo 2010–2015; n=21.872).
  • Finanziamento: National Institutes of Health (NIH); American Cancer Society.

Risultati principali

  • Il 28,0% dei pazienti è stato sottoposto a MIS e la percentuale è aumentata dal 18,0% nel 2010 al 36,9% nel 2015 (P
  • I fattori associati a MIS erano ospedali ad alto volume di pazienti (34,2% vs. 19,9%; OR: 1,63; IC 95%: 1,17–2,27) e punteggio di comorbilità di Charlson >2 (OR: 1,36; IC 95%: 1,01–1,82).
  • Il MIS era associato a una sopravvivenza migliore rispetto alla chirurgia a cielo aperto (HR: 0,83; P=0,01).
  • Anche la chemioterapia postoperatoria era associata a una sopravvivenza migliore (HR: 0,54; P

Limiti

  • Analisi retrospettiva.
  • Lo studio ha esaminato l’inizio della chemioterapia, ma non il suo completamento.