Tumore dello stomaco: irinotecano a basso dosaggio + cisplatino offrono un controllo migliore nella terapia di seconda linea

  • Nishikawa K & al.
  • Gastric Cancer
  • 15/07/2019

  • Jim Kling
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La combinazione irinotecano più cisplatino ogni 2 settimane (BIRIP) ottiene un tasso maggiore di controllo della malattia e un prolungamento della sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) rispetto a irinotecano a dosi più alte in monoterapia nel trattamento di seconda linea del tumore dello stomaco in stadio avanzato.

Perché è importante

  • Il regime BIRIP è stato sviluppato per ridurre la diarrea e la neutropenia febbrile associata all’irinotecano.
  • Due sperimentazioni precedenti non hanno evidenziato alcuna differenza in termini di efficacia tra i 2 regimi, ma è possibile avessero una potenza insufficiente.

Disegno dello studio

  • Metanalisi di 2 sperimentazioni di fase 3 (TCOG GI‑0801 ed ECRIN TRICS; n=290) di pazienti con tumore dello stomaco in stadio avanzato refrattario alla chemioterapia a base di S-1.
  • I partecipanti sono stati assegnati casualmente a BIRIP (irinotecano, 60 mg/m2; cisplatino 30 mg/m2, ogni 2 settimane) o a irinotecano ad alto dosaggio (150 mg/m2, ogni 2 settimane).
  • Finanziamento: Epidemiological & Clinical Research Information Network.

Risultati principali

  • Non è stata osservata alcuna differenza significativa nel tasso di risposta o nella sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) tra i 2 gruppi.
  • La PFS era significativamente maggiore nel gruppo trattato con BIRIP (4,3 vs. 3,3 mesi; HR, 0,77; P=0,035).
  • Il gruppo trattato con BIRIP presentava un tasso di controllo della malattia significativamente maggiore (72,1% vs. 59,2%; P=0,032).
  • Non vi era alcuna differenza nell’incidenza di eventi avversi di grado ≥3.

Limiti

  • Il campione di piccole dimensioni preclude la determinazione della non inferiorità.