Tumore dello stomaco/della GEJ: la combinazione trifluridina/tipiracil è efficace indipendentemente dalla gastrectomia

  • Ilson DH & al.
  • JAMA Oncol
  • 10/10/2019

  • Jim Kling
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Trifluridina/tipiracil ritardano la progressione indipendentemente dall’esecuzione di una precedente gastrectomia nei pazienti con tumore dello stomaco o adenocarcinoma della giunzione gastroesofagea (gastroesophageal junction, GEJ) metastatici.

Perché è importante

  • Trifluridina/tipiracil sono approvati negli Stati Uniti e nell’Unione Europea per il tumore dello stomaco/della GEJ metastatico dopo ≥2 linee di chemioterapia.

Disegno dello studio

  • Sottoanalisi già programmata dello studio gastrico di fase 3 TAS-102, una sperimentazione randomizzata, controllata con placebo di 507 pazienti che avevano ricevuto ≥2 linee di terapia; 221 di essi (43,6%) erano stati sottoposti a gastrectomia.
  • Finanziamento: Taiho Oncology Inc.; Taiho Pharmaceutical Company Limited.

Risultati principali

  • Nei pazienti sottoposti a precedente gastrectomia il trattamento con trifluridina/tipiracil ha migliorato la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS; HR: 0,57; IC 95%: 0,41–0,79) e la sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS; HR: 0,48; IC 95%: 0,35–0,65).
  • Nei pazienti non sottoposti a gastrectomia trifluridina/tipiracil erano associati a una PFS, ma non una OS, migliore (HR: 0,65; IC 95%: 0,49–0,85).
  • Eventi avversi di grado ≥3 sono stati osservati più spesso in caso di trattamento con trifluridina/tipiracil rispetto al placebo:
    • complessivamente, 84,1% vs. 76,3%;
    • neutropenia, 44,1% vs. 26,3%;
    • anemia, 21,4% vs. 17,4%;
    • leucopenia, 14,5% vs. 5,3%.
  • Rinvii o riduzioni della dose a causa di eventi avversi erano più comuni nei pazienti sottoposti a precedente gastrectomia trattati con trifluridina/tipiracil (64,8% vs. 53,2%), che tuttavia hanno interrotto il trattamento in misura inferiore (10,3% vs. 14,7%).

Limiti

  • L’analisi non possedeva una potenza sufficiente per dimostrare la significatività statistica.