Tumore della vescica: la combinazione ipilimumab-immunoterapia pesante offre la risposta migliore

  • Sharma P & al.
  • J Clin Oncol
  • 17/05/2019

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nivolumab (3 mg/kg; NIVO) continua a evidenziare benefici clinici a lungo termine in monoterapia e in combinazione con ipilimumab (1 mg/kg; IPI1) in pazienti con tumori uroteliali in stadio avanzato trattati precedentemente.
  • Il regime che prevede nivolumab (1 mg/kg; NIVO1) più ipilimumab 3 mg/kg (IPI3) seguiti da nivolumab evidenzia il tasso di risposta complessiva (overall response rate, ORR) e la sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) più alti tra i 3 regimi.

Perché è importante

  • I risultati evidenziano un beneficio continuato con NIVO3; i risultati promettenti con NIVO1+IPI3 giustificano la valutazione nell’ambito del trattamento di prima linea.

Disegno dello studio

  • Studio di fase 1–2, di coorte di espansione CheckMate 032 di 274 pazienti affetti da carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico non operabile.
  • I pazienti hanno ricevuto NIVO3, NIVO3+IPI1 seguiti da NIVO3 oppure NIVO1+IPI3 seguiti da NIVO3.
  • Finanziamento: Bristol-Myers Squibb e National Cancer Institute.

Risultati principali

  • Nei gruppi trattati con NIVO3, NIVO3+IPI1 e NIVO1+IPI3:
    • il follow-up minimo era rispettivamente di 37,7, 38,8 e 7,9 mesi;
    • l’ORR confermato era rispettivamente del 25,6%, 26,9% e 38,0%;
    • la durata mediana della risposta era rispettivamente di 30,5, 22,3 e 22,9 mesi;
    • la PFS mediana era rispettivamente di 2,8, 2,6 e 4,9 mesi;
    • la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana era rispettivamente di 9,9, 7,4 e 15.3 mesi;
    • rispettivamente il 26,9%, 30,8% e 39,1% dei pazienti hanno sviluppato eventi avversi correlati al trattamento di grado 3/4.
  • È stata riportata polmonite di grado 5 correlata al trattamento in 1 paziente ciascuno nel gruppo trattato con NIVO3 e con NIVO3+IPI1.

Limiti

  • Disegno in aperto.