Tumore della tiroide: i nuovi criteri TNM di stadiazione lasciano qualche spazio al dubbio


  • Daniela Ovadia — Agenzia Zoe
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Alcuni pazienti con tumore della tiroide hanno visto il proprio tumore “declassato” di uno stadio in seguito all’utilizzo dei nuovi criteri di stadiazione TNM, ma non sempre questo è un dato positivo in clinica. “Nel corso degli anni abbiamo assistito a un incremento dell’incidenza di tumori della tiroide, mentre la mortalità è rimasta stabile, soprattutto perché i tumori di piccole dimensioni e scoperti in fasi iniziali non vanno a influenzare la prognosi” afferma Claudio Casella, del dipartimento di Medicina molecolare e traslazionale dell’Università di Brescia, primo autore di un articolo pubblicato su Frontiers in Endocrinology.

La versione aggiornata del sistema di stadiazione TNM del Joint Committee on Cancer (AJCC) è giunta alla sua 8° edizione ed è stata introdotta nella pratica clinica dal 1 gennaio 2018 con effetti visibili sin da subito sulla classificazione dello stadio tumorale. “La maggior parte delle modifiche introdotte con la nuova edizione si è tradotta in una riduzione dello stadio della malattia in molti pazienti, a indicare il basso rischio di decesso legato al tumore tiroideo” aggiungono gli esperti, che nella loro ricerca hanno coinvolto 84 pazienti con tumori tiroidei di stadio T1-T3.

Casella e colleghi, però, hanno constatato che la nuova classificazione del tumore a uno stadio inferiore rispetto al precedente non sempre riflette una malattia meno pericolosa. Lo dimostra anche il fatto che sono stati registrati due casi di recidiva a livello linfonodale (40%) nei 5 pazienti riclassificati da pT3 a pT2 e il tasso di recidiva linfonodale per la malattia di stadio I è salita dallo 0% al 5,3% passando dalla 7° all’8° edizione dei criteri TNM.

“Seppur con limiti statistici importanti, legati per esempio alla popolazione poco numerosa di pazienti coinvolti nella ricerca, i risultati dello studio suggeriscono la potenziale utilità di un follow-up più serrato in pazienti di stadio 1 che hanno visto una riclassificazione da pT3 a pT2 della propria malattia” concludono gli autori, specificando che una delle differenze maggiori tra le due edizioni è l’eliminazione della invasione microscopica extra-tiroidea dai criteri per la classificazione in stadio 3.